€ 16.92€ 18.00
    Risparmi: € 1.08 (6%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Sulla fotografia. Realtà e immagine nella nostra società

Sulla fotografia. Realtà e immagine nella nostra società

di Susan Sontag


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi

Descrizione del libro

Di fronte al moltiplicarsi della fotografia, all'onnipresenza dell'immagine e all'incalzare dei messaggi che reclamano tutti con massima urgenza la nostra attenzione, non manca chi si è posto a riflettere sui problemi che tutto ciò solleva, sugli schock e le abitudini che derivano da queste frequentazioni. I saggi che a questo tema ha dedicato la Sontag occupano un posto particolare, perché tutti i motivi, le suggestioni, i problemi e le relazioni, vengono non solo ripensati e riproposti, ma anche verificati allargando il discorso all'intera situazione culturale e politica, individuando una rete di significati nell'evoluzione della fotografia che gettano luce nuova e diversa sul fenomeno e consentono una ricapitolazione stimolante ed esaustiva.

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Sulla fotografia. Realtà e immagine nella nostra società acquistano anche I cavalieri teutonici nel Salento. Pellegrinaggi, sanità e ordini monastico-cavallereschi nel medioevo di Mario De Marco € 15.00
Sulla fotografia. Realtà e immagine nella nostra società
aggiungi
I cavalieri teutonici nel Salento. Pellegrinaggi, sanità e ordini monastico-cavallereschi nel medioevo
aggiungi
€ 31.92

Voto medio del prodotto:  2 (2 di 5 su 1 recensione)

2Nulla di nuovo, 05-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Saggio molto denso, composto da alcuni studi sulla fotografia. Il primo dei quali mi ha affascinato e sorpreso. Tutti gli altri invece mi hanno complessivamente annoiato. In definitiva uno scritto ripetitivo e sempre oscillante tra riflessioni filosoficamente rilevanti e banalità o scontatezze irritanti. Immediatamente dopo ho studiato La camera chiara di Roland Barthes, e devo dire che non c'è paragone. Barthes è sapiente e rigoroso dove Sontag è invece ondivaga e indecisa.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti