€ 9.40€ 10.00
    Risparmi: € 0.60 (6%)
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La forza del destino

La forza del destino

di Marco Vichi


  • Editore: TEA
  • Collana: Teadue
  • Data di Pubblicazione: aprile 2014
  • EAN: 9788850231911
  • ISBN: 8850231911
  • Pagine: 384
  • Formato: brossura
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

È la primavera del 1967. L'alluvione di novembre, con il suo strascico di tragedie e di detriti, sembra essersi placata e Firenze comincia di nuovo a respirare. Ma non il commissario Bordelli. Per lui non c'è pace dopo un fatto che gli è successo. Indagando sull'omicidio di un ragazzino, si è scontrato con i poteri occulti della massoneria ed è stato costretto alla resa con un "messaggio" molto chiaro: lo stupro di Eleonora, la giovane commessa con cui aveva appena intrecciato una relazione appassionata, e una lista con i nomi di tutte le persone a lui più care. Sconfitto e amareggiato, Bordelli si è dimesso dalla polizia e ha lasciato San Frediano. Che altro avrebbe potuto fare? si chiede nel silenzio della casa sulle colline. Continuare a fare il poliziotto sapendo che non sarebbe mai riuscito a mettere in galera gli assassini? Adesso trascorre le giornate cucinando, facendo lunghe passeggiate nei boschi, imparando a far crescere le verdure nell'orto. Il pensiero di quella resa, di quella violenza senza giustizia, però, non lo abbandona. Ma il destino, in cui fino ad ora non ha creduto, gli offre inaspettatamente l'occasione di fare i conti con il passato, e Bordelli non si tira indietro.

I libri più venduti di Marco Vichi

Tutti i libri di Marco Vichi

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano La forza del destino acquistano anche Fantasmi del passato. Un'indagine del commissario Bordelli di Marco Vichi € 9.40
La forza del destino
aggiungi
Fantasmi del passato. Un'indagine del commissario Bordelli
aggiungi
€ 18.80

Voto medio del prodotto:  3 (3 di 5 su 7 recensioni)

3Personaggio a dispetto dell'autore..., 26-05-2016, ritenuta utile da 4 utenti su 5
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno scrittore scrive racconti, crea un personaggio che ne sarà il protagonista. A volte non gli riesce bene e non è credibile, a volte cresce da solo di pagina in pagina. Se non gli diventa odioso (e quindi lo distrugge), lo conduce per mano dove vuole lui e lo scrittore ne è schiavo. Se il personaggio ha successo e piace, il tutto diventa una piacevole schiavitù. È il caso del commissario Bordelli di Marco Vichi, un uomo dolente e un po' sfigato, principi di un'altra epoca, che potrebbe essere tuo padre o tuo nonno a seconda dell'età del lettore, che ha fatto la guerra, che è ancora giovane negli anni Sessanta in un'Italia forse becera, con le stigmate del marciume, ma che sa reagire alle difficoltà e che ha speranza. Questo è il più dolente fra i libri di Vichi, il più amaro, ma anche il più interessante anche per via della cronaca dal vivo dell'alluvione di Firenze. Per chi non ha mai letto Vichi, consiglio di leggerlo e poi di riacquistare i primi. Quest'autore ha la rara capacità di farti vivere in un'altra epoca senza trasportarti con un'ipotetica macchina del tempo né farti sentire in maschera. Scrive benissimo e sa descrivere altrettanto bene. Risulta piacevole e delicato. Presto sarà molto amato da un pubblico sempre più vasto. Comunque vale la pena provare.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Personaggio a dispetto dell'autore, 04-07-2014, ritenuta utile da 3 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Uno scrittore scrive racconti, crea un personaggio che sarà il protagonista. A volte non gli riesce bene e non è credibile, a volte cresce da solo di pagina in pagina. Se non gli diventa odioso (e quindi lo distrugge), lo conduce per mano dove vuole lui e lo scrittore ne è schiavo. Se il personaggio ha successo e piace, il tutto diventa una piacevole schiavitù. È il caso del commissario Bordelli di Marco Vichi, un uomo dolente e un po' sfigato, principi di un'altra epoca, che potrebbe essere tuo padre o tuo nonno a seconda dell'età del lettore, che ha fatto la guerra, che è ancora giovane negli anni Sessanta in un'Italia forse becera, con le stigmate del marciume, ma che sa reagire alle difficoltà e che ha speranza. Questo è il più dolente fra i libri di Vichi, il più amaro, ma anche il più interessante anche per via della cronaca dal vivo dell'alluvione di Firenze. Per chi non ha mai letto Vichi, consiglio di leggerlo e poi di riacquistare i primi. Quest'autore ha la rara capacità di farti vivere in un'altra epoca senza trasportarti con un'ipotetica macchina del tempo né farti sentire in maschera. Scrive benissimo e sa descrivere altrettanto bene, piacevole e delicato. Presto sarà molto amato da un pubblico sempre più vasto. Da provare!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4La forza del destino, 12-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Questa è la storia di un commissario che si vede costretto a dare le dimissioni e lasciare un caso irrisolto. Destino vuole che più avanti negli anni gli si presenti l'occasione di portare finalmente giustizia e questa occasione viene colta al volo da Bordelli. Di questo romanzo ho apprezzato l'intreccio degli eventi, la descrizione dei luoghi e dei personaggi e il velo di giustizia che chiude il racconto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2Bocciato, 23-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Marco Vichi con i suoi libri con protagonista il Commissario Bordelli, dopo un inizio abbastanza felice credo abbia perso completamente la verve narrativa. Come tanti altri vive d'inerzia regalandoci libri via via sempre più scadenti. La lettura di questo non mi ha regalato praticamenre alcuna emozione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Comunque buono, 20-04-2012, ritenuta utile da 1 utente su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho come l'impressione che Marco Vichi abbia, in parete, perso la sua verve narrativa. Per carità questo " La forza del destino " si può giudicare tutto sommato come un buon libro; ma i precedenti avevano un qualcosa in più nella narrazione che li rendeva decisamente più appetibili. Deluso in minima parte, ma rimane sempre e comunque un buo libro.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La forza del destino (7)


Ultimi prodotti visti