€ 10.45€ 11.00
    Risparmi: € 0.55 (5%)
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
La fortuna dei Medici. Finanza, teologia e arte nella Firenze del Quattrocento

La fortuna dei Medici. Finanza, teologia e arte nella Firenze del Quattrocento

di Tim Parks

  • Editore: Bompiani
  • Collana: Tascabili. Saggi
  • Traduttore: Artoni S.
  • Data di Pubblicazione: marzo 2018
  • EAN: 9788845296017
  • ISBN: 8845296016
  • Pagine: 248
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

I banchieri della famiglia Medici vissero nel solco di un'era di grandi innovazioni e di sommosse popolari, in una penisola frammentata e contesa dallo Stato pontificio e dal Sacro romano impero. La loro fortuna comincia nel 1397, quando Giovanni di Bicci, insieme ad alcuni soci, fonda una piccola banca a Firenze. Un'impresa remunerativa ma carica di rischi, compresa la condanna della Chiesa per usura. Per cinquant'anni un'accorta gestione e una sofisticata organizzazione societaria, sostenute da un'abile strategia politica e propagandistica, consentono ai Medici di espandersi in tutta Europa, in un'irresistibile ascesa al potere che li porterà a trasformarsi da facoltosi banchieri in politici influenti, e infine in signori incontrastati di una Firenze sempre meno repubblicana. La saga familiare di cinque generazioni di Medici e della loro banca - la sua ascesa e il suo lungo declino - consente a Tim Parks di ripercorrere con l'occhio del romanziere la storia modernissima e affascinante del Quattrocento italiano, dal nascente sistema finanziario continentale ai fasti dell'arte toscana del primo Rinascimento. Ma è anche una storia che spiega come questa famiglia abbia influenzato il nostro modo di percepire il rapporto tra la cultura alta e il denaro, nonché il nostro radicato atteggiamento di sospetto nei confronti della finanza internazionale e dei suoi legami con la religione e la politica.


Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4La fortuna dei Medici, 12-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Molto buono, e l'autore non ha la solita pocchia tipica di chi si occupa di rinascimento da fuoti italia, leggendo il suo libro si ha sì l'impressione di leggere un romanzo, ma soltanto per la sua scorrevolezza e non certo per la presenza di affermazioni non documentate. Il libro ci apre uno squarcio di luce sul fenomeno della nascita a Firenze del sistema bancario su cui si reggevano i commerci tra il nostro Paese e il Nord Europa. Illustra i difficili rapporti tra il Papato e i regnanti, tra le città italiane in quel secolo turbolento che fu il Quattrocento, secolo nel quale (per contrasto? ) fiorirono i massimi geni dell'arte (Leonardo, Piero della Francesca, Botticelli per citarne solo alcuni) e durante il quale si sviluppò una nuova corrente di pensiero, l'Umanesimo da cui si sviluppò il modo di pensare moderno e si crearono una serie di valori nuovi non necessariamente di carattere religioso come era stato nel mondo medioevale. Non per nulla l'Evo Moderno viene fatto iniziare nel 1492 che fu non solo l'anno della scoperta dell'America ma anche quello della morte di Lorenzo il Magnifico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO