€ 14.10€ 15.00
    Risparmi: € 0.90 (6%)
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Quantità:

Disponibile in altre edizioni:

In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi
€ 18.33 € 19.50
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi

In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi

di Maurizio De Giovanni


Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Immersa nel caldo torrido di luglio, la città si appresta a festeggiare una delle sue ricorrenze più popolari, quella della Madonna del Carmine, quando viene sconvolta da una terribile notizia: la tragica fine di uno stimato medico e professore universitario, caduto da una finestra in circostanze poco chiare. Ricciardi è incaricato di indagare sul caso e, come al solito, "il fatto", l'immagine dell'ultimo istante di dolore del morto, lo perseguita. Ma questa volta il commissario è distratto da uno dei momenti più difficili della propria esistenza. Su di lui incombono l'abbandono e il lutto.

Tutti i libri di Maurizio De Giovanni

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi acquistano anche Vipera. Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi di Maurizio De Giovanni € 11.05
In fondo al tuo cuore. Inferno per il commissario Ricciardi
aggiungi
Vipera. Nessuna resurrezione per il commissario Ricciardi
aggiungi
€ 25.15

Voto medio del prodotto:  3.5 (3.5 di 5 su 4 recensioni)

5Ottimo, 24-03-2018
di - leggi tutte le sue recensioni
La trama poliziesca di questo romanzo è solo un espediente dell'autore che mira più ad investigare l'animo umano. C'è tutto in questo romanzo: amore, gelosia, risentimento, invidia, rivalità. Viene descritta la Napoli negli anni 30.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Convincente, 22-01-2015
di - leggi tutte le sue recensioni
È il primo libro che leggo della serie del commissario Ricciardi, e l'ho trovato appassionante e dotato di buon ritmo. Sia il commissario che il fido Maione rappresentano due personaggi ben tratteggiati e provvisti di una personalità ben definita. Anche gli "attori" non protagonisti della storia aiutano a creare interesse, non solo per lo sviluppo della trama principale ma anche per quel contorno che aiuta a dare forza e sostanza all'insieme. Sullo sfondo poi (ma nemmeno troppo) c'è una Napoli caotica e caldissima che si attacca alla storia e l'accompagna in tutto il suo scorrere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2Malavoglia......, 25-09-2014, ritenuta utile da 3 utenti su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Condivido in pieno il giudizio di chi mi ha preceduto: per chi ha letto gli altri romanzi di De Giovanni, affrontare questo è uno shock, tanto che si fa fatica a leggerlo. Per carità: non tutti i romanzi vengono bene, e una battuta a vuoto può capitare, ma effettivamente questo libro sembra scritto da un'altra persona, o almeno scritto di malavoglia. A quanto dicono le altre recensioni, aggiungerei un particolare: a questo romanzo manca del tutto Napoli. La città era protagonista negli altri romanzi, e qui invece non ce n'è traccia. Il libro risulta scontato e anche un po' noioso. Spero che la prossima prova di De Giovanni sarà migliore!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3L'ultimo libro di De Giovanni, 13-07-2014, ritenuta utile da 7 utenti su 12
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho trovato l'ultimo libro di De Giovanni deludente, arrivando addirittura a non riconoscere la sua scrittura per almeno la metà del romanzo, che è parso piatto nella narrazione, nella trama, nella descrizione dei personaggi (anche quelli a cui ci siamo affezionati nel corso degli anni, come Ricciardi, il brigadiere Maione, il Dott. Modo, Enrica...). I dialoghi sono sciatti, infarciti di frasi fatte, in uno stile superato. Questo settimo libro di De Giovanni mi è parso minore, e l'impressione è che sia stato scritto a tavolino più per rispondere a una logica di marketing che per dar voce a una reale necessità dell'autore e dei suoi personaggi. Solo dopo più della metà del libro mi è sembrato di riconoscere l'amato stile di De Giovannni, il suo ritmo, la sua ironia, il suo sguardo tenero e compassionevole sulla vita e sugli uomini. Attendo l'ottavo libro, in questa logica della serialità, così calzante ai tempi che viviamo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO