€ 10.00
Fuori catalogo - Non ordinabile

Disponibile in altre edizioni:

Di là dal fiume e tra gli alberi
€ 13.00 € 9.75
Normalmente disponibile in 5/6 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Di là dal fiume e tra gli alberi

Di là dal fiume e tra gli alberi

di Ernest Hemingway


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar scrittori moderni
  • Edizione: 16
  • Traduttore: Pivano F.
  • Data di Pubblicazione: maggio 1998
  • EAN: 9788804455134
  • ISBN: 8804455136
  • Pagine: 336

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"


I libri più venduti di Ernest Hemingway

Tutti i libri di Ernest Hemingway

Voto medio del prodotto:  2.5 (2.5 di 5 su 2 recensioni)

1La noia ha prevalso, 03-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Premetto che non sono riuscito a concludere la lettura di questo libro tanto era l'eccezionale noia che mi provocava. Durante la storia non succede niente di niente, ma quel che è peggio è che il libro è estremamente ripetitivo, e alquanto pretenzioso. Certo, le storie d'amore non sono il mio forte, ma qui si ripetono dall'inizio alla fine gli stessi concetti, le stesse frasi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Di là dal fiume e tra gli alberi, 13-11-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 4
di - leggi tutte le sue recensioni
Questo è uno di quei libri di cui non si sa proprio che dire, nel bene e nel male, se non che è un libro veramente tristissimo.
E' un lunghissimo addio, è una cronaca senza stacchi degli ultimi giorni di un uomo che muore.
Da una parte si empatizza col protagonista ed il suo cinismo nei confronti della guerra, con suo senso della fine, della morte imminente, dell'assenza di futuro e di speranza, del dover dire addio a una persona che si ama.
Ma dall'altra alle volte viene da sbuffare perché davvero in tutto il libro non succede niente, niente, assolutamente niente.
O per quei lunghissimi e irreali dialoghi con la fanciulla (sicuramente l'amore è cambiato dai tempi di Hemingway, ma io non credo che neanche allora nessuno facesse discorsi così libreschi)
O per quella sensazione che, in fondo, i protagonisti del libro se la cavino benissimo senza di te. Un libro che fa sentire il lettore un terzo incomodo.
Mah. Si dai, però bello a suo modo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Gli altri utenti hanno acquistato anche...