€ 14.50
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Disponibilità immediata
Ordina entro 60 ore e 46 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo martedì 26 novembre. Scopri come
Quantità:
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Firenze tra il Quattrocento e il Cinquecento

Firenze tra il Quattrocento e il Cinquecento

di Giovanni Delle Donne


Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Nel Quattrocento l’Italia primeggiava in Europa per le arti e le lettere e per la ricchezza e l’abilità dei suoi banchieri e dei suoi mercanti. Firenze, in particolare, espresse un modello di civiltà di cui Lorenzo il Magnifico, incarnazione dell’uomo nuovo dell’Umanesimo, fu la figura più rappresentativa. L’Italia, però, priva delle condizioni necessarie per diventare una nazione, finirà col trasformarsi nel campo di battaglia e di conquista di eserciti stranieri. Per mantenere l’impegno preso col papa di reintegrare la Signoria Medicea, entrata in crisi con la discesa di Carlo VIII in Italia, l’imperatore Carlo V fece cingere d’assedio Firenze. Nonostante il valore dei fiorentini e l’abilità di Francesco Ferrucci, l’impari lotta si concluse con la decisiva sconfitta nella battaglia di Gavinana e l’uccisione del loro condottiero. La città fu costretta a rinunciare alle istituzioni repubblicane e ad accettare il dominio dei Medici, destinato a durare ancora per circa due secoli.
Ma quale era la vita quotidiana del popolo fiorentino in tempo di pace? Quel popolo che la storia dei grandi eventi non rammenta, ma che ha partecipato attivamente allo sviluppo economico e sociale di Firenze, la cui traccia è testimoniata anche dal suo patrimonio artistico. Qui lo cogliamo nelle sue abitudini e nei luoghi di incontro e di socializzazione: per gli uomini l’osteria, la taverna, il mercato, nelle campagne anche il mulino, per le donne la fontana pubblica, il lavatoio, la chiesa, per tutti la strada.

Indice:
Sommario
PREFAZIONE
Parte prima
Firenze, città pulsante di vita
Le arti e le istituzioni politiche
L’ ascesa della famiglia De’  Medici: Cosimo
Lorenzo: la speranza di Cosimo
Piero Il Gottoso
Il matrimonio di Lorenzo e Clarice
L’ Avvento di Lorenzo al potere
Arte e cultura nella cerchia del Magnifico
Le feste e i giochi nel clima laurenziano
La politica estera del Magnifico
La congiura dei Pazzi
La guerra e l’ accentramento del potere
La riconciliazione del Magnifico con Sisto IV
Il Magnifico tenta invano di mantenere la pace in Italia
Dalla “guerra dei baroni” alla politica dell’ equilibrio
Girolamo Savonarola
La morte di Lorenzo il Magnifico
Piero di Lorenzo De’  Medici
Lotta per l’ egemonia in Italia e ritorno dei Medici a Firenze
La lega santa di Cognac e il sacco di Roma
Restaurazione repubblicana a Firenze
L’ assedio di Firenze
Francesco Ferrucci
I combattimenti lungo le mura di Firenze e la presa di Volterra
La battaglia di Gavinana
Fabrizio Maramaldo
Parte seconda
I fiorentini tra pranzi e tornei
Il matrimonio
L’ alimentazione
L’ abbigliamento
La donna
Le abitazioni
Arte e cultura
Il senso del tempo
La vita notturna
I contadini e i centri della vita sociale
Le carceri, le torture e le condanne a morte
La medicina

Nota sull'Autore
Giovanni Delle Donne, nato a Caprarica di Lecce (LE), risiede a Firenze. Ha insegnato storia e filosofia nei licei e tenuto corsi di “Storia dei rapporti fra Stato e Chiesa” all’Università di Firenze; ha promosso e coordinato corsi di aggiornamento di Didattica della storia per i docenti presso l’IRRE toscano. Ha svolto ricerche di carattere storico, per conto della facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Torino, presso la biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze. Tra le sue opere ricordiamo: Carlo Magno e il suo tempo. L’interpretazione del giornale. Lorenzo il Magnifico e il suo tempo. Maometto profeta dell’Islām. La vita quotidiana nel Medioevo. Il tempo, questo sconosciuto. La vita quotidiana nell’Età moderna. Il mondo degli aztechi. Cara Italia. Garibaldi: l’uomo e il condottiero. Nel quadro delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia la sua opera Cara Italia è stata premiata con la medaglia della Presidenza della Camera dei deputati e con il diploma di merito nell’ambito del concorso “Testimonianze storiche” per l’editoria e l’informazione specializzata.

Tutti i libri di Giovanni Delle Donne