€ 12.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Fine partita

Fine partita

di Ian Rankin


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: TEA
  • Collana: TEA mistery
  • Traduttore: Rusconi A.
  • Data di Pubblicazione: settembre 2015
  • EAN: 9788850240975
  • ISBN: 885024097X
  • Pagine: 505
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

John Rebus, ispettore della polizia di Edimburgo, torna a muoversi in un intrico di luci e ombre che ha il suo centro nella scomparsa di una studentessa. L'indagine in poco tempo si trasforma in un terribile, ossessivo gioco. Punto di partenza: Philippa Balfour, detta Flip. Vent'anni, una famiglia agiata, molti amici e un fidanzato; una normale ragazza della buona società di Edimburgo. Flip sparisce e sulla città i sospetti dilagano come ombre che riconducono a storie lontane ma non dimenticate, a riti di stregoneria e macabri ritrovamenti di oggetti dall'oscuro simbolismo, ma anche a delitti più recenti. Come se non bastasse, Rebus e la squadra investigativa devono seguire anche altre tracce strettamente legate alle nuove tecnologie.

I libri più venduti di Ian Rankin

Tutti i libri di Ian Rankin

Voto medio del prodotto:  0 (0 di 5 su 0 recensioni)

2Noioso, 12-06-2014, ritenuta utile da 47 utenti su 60
di - leggi tutte le sue recensioni
Innanzitutto, l'ho trovato troppo dispersivo. Una vicenda continuamente interrotta tra puntate al pub, incontri di poliziotti fuori servizio... insomma: troppa vita privata.
E quanto all'ispettore Rebus, devo dire che mi sembra forzato continuare a sciorinare storie su di lui, accentuandone i macroscopici difetti e dandogli persino dei seguaci (nella persona del sergente Clarke). Se l'idea è che la polizia ti tiene lo stesso, purché tu sia un genio, è chiaro che da libri così non c'è molto da imparare, mentre invece è vero il contrario, è cioè che talora nei corpi militari prosperano soggetti antipatici e poco competenti...
Ritieni utile questa recensione? SI NO