€ 10.20€ 12.00
    Risparmi: € 1.80 (15%)
Disponibile dal 17 settembre 2019

Disponibile in altre edizioni:

Filologia dell'anfibio. Diario militare
€ 12.00 € 10.20
Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Filologia dell'anfibio. Diario militare

Filologia dell'anfibio. Diario militare

di Michele Mari


Disponibile dal 17 settembre 2019

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Einaudi.
Einaudi ti regala una bellissima borsa con l'acquisto di due libri Einaudi a scelta!

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Come affrontare quell'esperienza infima più che infernale, che è stato il C.A.R. (Centro Addestramento Reclute)? Come raccontare il microcosmo dell'esercito, in cui si riproducevano gli stessi difetti, gli stessi vizi della nazione italiana nel suo complesso? Mari lo fa con le armi dello scrittore fantastico, che si avvicina a una realtà aliena, e con quelle del filologo, che usa analisi e spirito critico per evidenziare tutte le assurdità di un apparato tanto obsoleto e cristallizzato quanto, proprio per questo, paradossalmente affascinante. Il volume è corredato dalle illustrazioni dell'autore.

I libri più venduti di Michele Mari

Tutti i libri di Michele Mari

Voto medio del prodotto:  3 (3 di 5 su 2 recensioni)

4Filologia dell'anfibio, 21-02-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Cosa non farei per leggere più spesso simili capolavori!
Come si evince dal titolo, Mari osserva la realtà tangibile, nel caso di specie la propria esperienza concreta di un mese di C. A. R. A Como, anzi di due mesi perché al termine del primo mese scoprì il suo prolungamento di ulteriori trenta giorni, senza che nessuno glielo avesse mai fatto sapere, che viene esplorata ed illustrata al fine di coglierne il senso. E la conclusione cui giunge è che il senso della vita militare, illogica ed assurda, è proprio il suo non senso; anzi, il non senso della vita militare è ciò che costituisce la sua forza, perché la rende intoccabile, liturgica e indecifrabile come una religione. Si potrebbe pensare che la scrittura aulica e barocca del prof. Mari contrasti con la materia trattata, in cui la vita militare, oltre che irrigidita in formalità assurde (la procedura da seguire quando si fanno le guardie, le parole da pronunciare ed i gesti da compiere se uno si avvicina incautamente al povero milite costretto a stare lì impalato per ore con il fucile in mano è un tipico esempio di formalismo inutile), è caratterizzata da episodi, facilmente immaginabili, a dir poco goliardici; penso che la diversità e la lontananza tra forma e contenuto sia proprio il quid che contraddistingue questo libro e che ne rende interessante la lettura, che è risultata godibile soprattutto nella parte finale. Mi ha colpito l'uso esagerato dei due punti, che ricordo la maestra alle elementari mi insegnò avessero funzione meramente esplicativa, e si raccomandava di non usarne più d'uno in uno stesso periodo. Mari li usa ripetutamente, credo come vezzo linguistico.
Non imparerò mai le gerarchie militari, cui Mari ha dedicato un intero capitolo: sono proprio allergica alle gerarchie.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2Filologia dell'anfibio, 07-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Preso in mano diverse volte mossa dall'ostinazione alla fine ho issato bandiera bianca.
Nonostante l'arguzia e l'ironia mescolate ad un aulico linguaggio il narrato è di letale pesantezza.
Potabile per chi ha tempo da spendere e pochi libri 'in panchina'. Io no.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti