€ 18.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

La fiera delle vanità
La fiera delle vanità(2009 - brossura)
€ 11.00 € 10.34
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
La fiera delle vanità
La fiera delle vanità(2007 - brossura)
€ 13.00 € 12.22
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
La fiera delle vanità

La fiera delle vanità

di William M. Thackeray


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Garzanti Libri
  • Collana: I grandi libri
  • Edizione: 9
  • Traduttore: Mainardi R.
  • Data di Pubblicazione: luglio 2003
  • EAN: 9788811370086
  • ISBN: 8811370086
  • Pagine: XXV-889
  • Formato: brossura

Trama del libro

Straordinario quadro satirico dell'Inghilterra vittoriana, il romanzo rappresenta, in modo sottilmente complesso, le colpe di una società che premia solo l'ipocrisia. Scrittore aspro e amaro, Thackeray plasma magistralmente le figure emblematìche delle protagoniste, l'astuta arrivista Becky Sharp e la virtuosa quanto ingenua e insipida Amelia Sedley, e le contorna di uno stuolo di riusciti personaggi, tutti ugualmente vivi perché tutti profondamente umani.

Tutti i libri di William M. Thackeray

Voto medio del prodotto:  4 (4.3 di 5 su 9 recensioni)

5Oh! Vanitas vanitatum!, 23-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
La fiera delle vanità altro non è che la società vittoriana stessa, fondata su falsi valori, popolata da un vortice di persone sciocche, egoiste, arrampicatrici sociali, false e meschine. Thackeray è meravigliosamente spietato, descrive i suoi personaggi con sarcasmo attraverso l'uso di un'ironia pungente che non risparmia davvero nessuno. Un libro coraggioso, che non sente il peso degli anni e che risulta sempre attuale. Uno dei libri più belli letti nell'ultimo periodo, fatevi un favore e leggetelo, non resterete delusi!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Mi aspettavo di più, 23-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il romanzo mi è parso a tratti un po' pasticciato, naturalmente intriso di grande frivolezza e di elementi scontati. Non sò per quale ragione, ma questo autore che ha inteso fare di questo manoscritto la spina nel fianco dell'aristocrazia non ha altro che rappresentato (in una lunghezza estenuante) una storia comune e neanche troppo singolare per lo scopo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Assolutamente da leggere, 03-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho adorato questo romanzo, che rimane uno dei classici della letteratura. Becky e Amelia sono due ragazze quasi totalmente opposte, eppure in entrambe c'è qualcosa di noi. La scrittura è scorrevole, anche se in alcuni tratti può risultare un po difficile, ma mai noiosa. Consiglio questo libro veramente a tutti, leggetelo e non ve ne pentirete
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Classico della letteratura, 08-12-2010, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Opera di Thackeray che scandalizzò i contemporanei, riassume le tematiche principali che si possono ritrovare in tanti altri libri dell'ottocento europeo e non.
Emergono la condizione della donna che per potersi mantenere deve sposare un uomo ricco (che diventa la "professione" di una giovane donna senza madre come Becky Sharp) , i falsi moralismi, l'ipocrisia, l'importanza del denaro e delle convenzioni sociali all'interno della società dell'epoca (che rendono il libro tutt'ora attuale, se pensiamo a quanto valgono questi valori anche all'interno della nostra società) .
Un libro comunque da consigliare, in cui l'apparente leggerezza dei temi (la vanità maschile e femminile e la voglia di emergere, in diversi ambiti sociali) nasconde la profonda gravità di temi più seri come la facilità con cui si può passare improvvisamente da una condizione di agiatezza a una di sussistenza, e relativa esclusione sociale.
L'ironia del narratore è il filo comune che lega i capitoli e che rende la lettura piacevolissima e al contempo induce il lettore a riflettere su temi che potrebbero sembrare frivoli ma che in realtà nascondono una maggiore serietà di fondo. Una nota dolente è però data a mio parere dalla mancanza di introspezione. Questa scelta stilistica dovuta al tono che richiedeva l'intero romanzo, ne è anche la debolezza: in una società basata sull'apparenza non contano i pensieri ma solo la maschera esteriore che indossano i vari personaggi; ed ecco quindi che non c'è posto per esternare l'introspezione e la profondità d'animo dei personaggi. Ciò però rende la lettura a tratti noiosa e spenta, se non fosse per lo stile narrativo ironico e sarcastico dell'autore. Libro forse un po' troppo lungo; consiglio a chi fosse interessato a quest'epoca il libro "Casa della Gioia" di Edith Wharton, in cui compare anche una profonda introspezione e la difficoltà della condizione femminile nell'America benestante di fine 800.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Ottimo classico, 04-12-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Thackeray è abilissimo nel delineare al lettore (a cui si rivolge sovente e con quanta ironia! ) gli intrighi, le passioni, le meschinità del nutrito numero di personaggi che animano la Fiera delle Vanità. Amo la capacità degli scrittori di tirare fuori il peggio degli uomini attraverso l'ironia o il sarcasmo e questa è senz'altro una delle caratteristiche tipiche di questo ottimo classico. Mi è piaciuto molto e il personaggio di Dobbin mi è rimasto nel cuore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La fiera delle vanità (9)