€ 10.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
La febbre dei tulipani. La prima grande crisi economica della storia

La febbre dei tulipani. La prima grande crisi economica della storia

di Mike Dash


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
  • Collana: Saggi
  • Traduttori: Lonza G., Zuppet R.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2009
  • EAN: 9788817031165
  • ISBN: 881703116X
  • Pagine: 345
  • Formato: brossura

Descrizione del libro

Nell'Olanda di fine Seicento il tulipano, reso popolare dai turchi ottomani, causò una vera e propria frenesia botanico-finanziaria. I bulbi venivano scambiati con maiali o percore, vino o burro, abiti o letti, gli ibridi più rari e pregiati raggiunsero ben presto quotazioni folli, da capogiro, tanto da valere più di una casa. L'interesse della gente arrivò a non dipendere più dalla loro bellezza, ma dalla nascente consapevolezza che se ne poteva trarre profitto. Cosi, grandi mercanti e umili contadini si fecero contagiare da questa febbre dilagante e il mercato si gonfiò a dismisura fino a crollare nel 1637, come Wall Street nel 1929, determinando "la prima grande crisi speculativa del capitalismo moderno". La prima bolla economica che preannuncia e anticipa le successive, i tulipani di ieri come le dot.com e come i mutui subprime di oggi, delirio collettivo e prezzi alle stelle: un inarrestabile contagio sociale che porta il sistema al collasso. Mike Dash ripercorre questo caso di isteria collettiva e di speculazione di massa e, attraverso la vicenda di un fiore, svela gli imponderabili meccanismi delle passioni umane che tante volte determinano il nostro destino.

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Buon libro storico, 26-01-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
è una trattazione storica riguardo la prima bolla speculativa, sui tulipani nel 1600. L'autore è un giornalista e come tale, lo stile è quello di un articolo di un magazine. Molto ben strutturato dal punto di vista storico, un po' meno per quello socio-economico. Consigliato per chi, come me, era un neofita dei tulipani e vorrebbe approfondire questo argomento. Ma non consigliato per chi, come me, si aspettava qualcosa riguardante economia e finanza.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Altri utenti hanno acquistato anche