€ 28.40
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

Etnopsichiatria. Sofferenza mentale e alterità fra storia, dominio e cultura
€ 17.00 € 15.30
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Etnopsichiatria. Sofferenza mentale e alterità fra storia, dominio e cultura

Etnopsichiatria. Sofferenza mentale e alterità fra storia, dominio e cultura

di Roberto Beneduce


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Carocci
  • Collana: Frecce
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2007
  • EAN: 9788843035038
  • ISBN: 8843035037
  • Pagine: 399
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Percorsa da conflitti relativi ai suoi obiettivi e alle sue strategie, l'etnopsichiatria si trova oggi al centro di un dibattito quanto mai vivace sul ruolo della cultura nel disagio e nella cura dei cittadini immigrati. Nato in epoca coloniale, lo studio della malattia mentale in società non occidentali ha infatti riprodotto a lungo i cupi stereotipi dell'altro cresciuti all'ombra del paradigma evoluzionistico, quando le categorie psichiatriche finivano spesso con l'etichettare differenze e conflitti di natura sociale, politica o religiosa. È solo con l'indipendenza dall'oppressione coloniale che si determinano le possibilità di una nuova stagione di ricerche e di esperienze: l'analisi delle rappresentazioni della malattia o della persona, il dialogo con i guaritori e le terapie tradizionali, ma anche la critica della psichiatria occidentale e la clinica della migrazione. Il volume disegna un paesaggio contrastato e affascinante, che fa dell'etnopsichiatria un sapere inquieto e, a certe condizioni, "sovversivo".

Tutti i libri di Roberto Beneduce

Voto medio del prodotto:  3 (3 di 5 su 1 recensione)

3Etnopsichiatria, 28-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Saggio di complessa lettura ma utile ad inquadrare, in un contesto di apprezzabile relativismo culturale, le problematiche della psichiatria coloniale e del disagio psichico dell'immigrato.
Tra i tanti spunti interessanti si trova ad esempio la definizione di Drapetomania. Carl Cartwright, medico-chirurgo e psicologo ad Haiti, propose nel 1851, sulle pagine del “New Orleans Medical and Surgical Journal”, questo termine per definire come segno di “disordine mentale” il tentativo degli schiavi di fuggire dalle piantagioni. Come “cura” appropriata per curare la drepetomania suggeriva di frustare i fuggitivi e tagliare le dita dei piedi.
Come vedete è tutta questione di punti di vista...
Ritieni utile questa recensione? SI NO