€ 16.15€ 17.00
    Risparmi: € 0.85 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata solo 1 pz.
Ordina entro 22 ore e 45 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo giovedì 24 giugno. Scopri come

Disponibile in altre edizioni:

Eseguendo la sentenza. Roma, 1978. Dietro le quinte del sequestro Moro
€ 13.77 € 14.50
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Eseguendo la sentenza. Roma, 1978. Dietro le quinte del sequestro Moro

Eseguendo la sentenza. Roma, 1978. Dietro le quinte del sequestro Moro

di Giovanni Bianconi

18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Dei brigatisti si ripercorrono le vicende personali, le mosse durante il sequestro, i contrasti interni, i sentimenti e le reazioni alle risposte dello Stato, i colloqui con l'ostaggio, la vita clandestina nella giungla metropolitana grazie alla quale i ricercati sono passati indenni dai controlli di polizia nella città assediata, fino alla tormentata decisione di uccidere il prigioniero come unica conclusione possibile della "battaglia" ingaggiata col rapimento. Nella Dc emerge un atteggiamento che col trascorrere dei giorni va dalla sorpresa alla sofferta consapevolezza di ritrovarsi paralizzati per una Ragione di Stato contro la quale Moro combatte la sua personale battaglia dalla prigione brigatista.

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Eseguendo la sentenza, 19-07-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Bianconi è inviato del Corriere della Sera, per il quale segue le più importanti vicende giudiziarie e di cronaca. All'epoca del sequestro Moro era un diciottenne romano come tanti, quindi usa un metodo che lo annette piuttosto alla categoria degli storici. Non di meno, questo libro suo non è soltanto un libro di storia. Sceglie la strada più scabrosa e la mette in sottotitolo: "Dietro le quinte del sequestro Moro". Non cambia certo il protagonista della storia; mutano però di necessità gli scenari, il contorno si fa non solo indispensabile ma necessario. Qui c'è anche, e potente, un lavoro di montaggio sul materiale diversamente reperito, un'idea forte di intreccio, la capacità di tenere avvinto il lettore che, salvo eccezioni più uniche che rare, già conosce la fine dei fatti. Insomma, per passo e taglio, si tratta di un romanzo, dal finale tragico.
Ritieni utile questa recensione? SI NO