€ 27.55€ 29.00
    Risparmi: € 1.45 (5%)
Disponibile in 4/5 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
L' errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano

L' errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano

di Antonio R. Damasio


  • Editore: Adelphi
  • Collana: Biblioteca scientifica
  • Edizione: 9
  • Traduttore: Macaluso F.
  • Data di Pubblicazione: novembre 1995
  • EAN: 9788845911811
  • ISBN: 8845911810
  • Pagine: 404
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Risale a Cartesio la separazione fra emozione e intelletto, ma le indagini sul cervello attualmente in corso muovono in tutt'altra direzione. Damasio è stato forse il primo a porre sotto esame le infauste conseguenze della separazione di Cartesio e oggi è possibile circoscrivere quell'errore sulla base anche di casi clinici e della valutazione di fatti neurologici sperimentali. Tutte le linee sembrano convergere verso uno stesso risultato: l'essenzialità del valore cognitivo del sentimento. Damasio usa la parola "sentimento" per denotare qualcosa di concettualmente nuovo e introduce una distinzione importante fra il sentire di base e il sentire delle emozioni, fondata su osservazioni di architettura anatomico-funzionale.

I libri più venduti di Antonio R. Damasio

Tutti i libri di Antonio R. Damasio

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano L' errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano acquistano anche Alla ricerca di Spinoza. Emozioni, sentimenti e cervello di Antonio R. Damasio € 28.50
L' errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano
aggiungi
Alla ricerca di Spinoza. Emozioni, sentimenti e cervello
aggiungi
€ 56.05

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.7 di 5 su 3 recensioni)

4Visione nuova, 28-04-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Per il vigore della scrittura e i pochi punti poco chiari dovuti ad un linguaggio tecnico scientifico "L'errore di Cartesio" può essere un buon cominciamento per coloro che si vogliono addentrare nell'argomento. I temi sono decisamente interessanti: un approccio diverso alla questione differenziandosi dal determinismo Cartesiano che ha caratterizzato le scienze biologice e antropologiche contemporanee.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5L'errore di Cartesio, 27-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Libro di grande fama, anche in ambienti profani che poco si interessano di neurologia e filosofia, primo di una trilogia (che comprende Emozione e coscienza del 2000 e Alla ricerca di Spinoza del 2003) il saggio lavora nella zona di confine tra filosofia, antropologia e ricerca neuroscientifica con l'intenzione di dimostrare che Cartesio aveva torto a separare drasticamente cervello e mente, anima e corpo. E infatti Damasio si sforza di far vedere come: 1) sia molto difficile pensare a un'esistenza indipendente della soggettività a prescindere dalle sue basi neurobiologiche; 2) sia altrettanto difficile immaginare il lavoro cognitivo del cervello in maniera "pura" rispetto a quanto emozioni e sentimenti possono contribuire proprio nella direzione di una piena funzionalità della cognizione. Tutto in modo equidistante da tentazioni riduzionistiche sia di segno biologico che in senso opposto sociale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5SENTIMENTO E RAGIONE, 18-12-2008, ritenuta utile da 16 utenti su 16
di - leggi tutte le sue recensioni
Con questo bellissimo saggio lo scienziato portoghese restituisce alla nostra specie la sua vera dimensione umana, contestando il noto criterio di Cartesio, secondo cui l'uomo pensa e pertanto esiste. Damasio afferma, invece, e lo dimostra tecnicamente, ma con un linguaggio estremamente comprensibile, come in realtà l'uomo non esiste solo perché ha la facoltà di pensare ma, al contrario, ha la facoltà di pensare per il semplice fatto che esiste.
Così, denuncia un antico equivoco di Cartesio e mette sotto accusa quelle paradossali teorie difese dai positivisti che, nel loro eccesso di presunzione ed altrettanta ingenuità, non potendo ancora conoscere i meccanismi del cervello, abbracciavano frettolosamente l'ambiguo razionalismo, con la pretesa di creare perfino una nuova religione. Si illudevano che, grazie alla nostra capacità di ragionare, si potesse addirittura risalire ad ogni illimitata conoscenza.
Damasio, invece, in modo cattivante, accredita un po' di ragione al fisico Blaise Pascal che affermava giustamente come non tutte le ragioni si spiegano con la ragione, appunto, perché "il cuore ha le sue proprie ragioni che la ragione non intende".
Ecco, l'essere umano recupera le sue vesti, le sue vere caratteristiche più umane e cessa di indossare quella specie di tuta meccanica per ritrovare la sua umile e limitata condizione umana. Così, torna ad agire più da fallace emotivo umano biologico, piuttosto di trasformarsi in automa mosso dalla logica razionale come se fosse una macchina.
Allora, il saggio assume un interesse particolare perché le osservazioni di Damasio - che è pure o soprattutto uno dei più qualificati studiosi del cervello umano del nostro tempo -, ci permettono di capire certi suoi funzionamenti. Identificate, dunque, le diverse specializzazioni delle distinte parti del nostro sistema centrale, scopriamo che il sentimento ha una sua precisa e fondamentale ubicazione. Il sentimento, oltre alla sua specifica funzione, permette o meglio, induce conseguentemente il resto del nostro organismo ad agire chimicamente e reagire fisicamente secondo gli stimoli generati dall'emozione. Senza tale sensibilità cesseremmo di essere individui umani e rischieremmo di trasformarci in ciò che molti temono che la modernità potrebbe farci diventare: degli automi.
Invece, l'essere umano certamente sbaglia fin dalla sua nascita; ma è appunto attraverso i suoi errori che accumula esperienze utili che gli permettono di sviluppare nuove congizioni e conoscenze che a sua volta generano prudenza dalla quale si forma la responsabilità. La responsabilità è una disposizione particolare e specifica degli individui che non può essere ceduta e non deve essere delegata.
Per concludere, quindi, la lettura di questo saggio potrà certamente risultare di immenso piacere, oltre che una conferma per tutti coloro che hanno fiducia nelle capacità umane e nell'individuo in particolare. Infatti, quest'opera aiuta a consolidare le convinzioni sull'insostituibilità, sull'unicità e l'assoluta diversità di ogni singolo individuo creativo che matura esperienze proprie, congizioni singolari, intuizioni particolari ed anche soluzioni specifiche. L'autore ridimensiona, pertanto, quelle tesi sull'ambiguo egualitarismo e svaluta quei modelli politici riduttivi, coercitivi tipici del collettivismo.
Damasio rende un notevole favore al liberalismo perché se ci dovessero essere ancora dei dubbi sul fatto che il progresso nasce dalle osservazioni, dalle iniziative e dalle scelte particolari dell'individuo, questo saggio ci potrà venire in ausilio. E' l'individuo che esce dal gregge in mezzo alla folla e riesce a guardare alla dottrina ed alle ideologie criticamente, in funzione dell'interpretazione particolare della sua realtà, grazie alle proprie singolari capacità interpretative che lo condizionano e lo guidano. Così, se non condivide una misura, si può ribellare ai preconcetti, confrontandosi spontaneamente con i suoi dubbi, per cercare nuove verità, trovando eventualmente altri sbocchi, altre strade capaci di sovvertire vecchi paradigmi per formarne di nuovi: è lui il vero agente innovatore in grado di produrre in continuazione nuove soluzioni per il bene di tutta l'umanità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO