€ 15.84€ 16.50
    Risparmi: € 0.66 (4%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Era mio padre

Era mio padre

di Franz Krauspenhaar


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Fazi
  • Collana: Le vele
  • Data di Pubblicazione: aprile 2008
  • EAN: 9788881129126
  • ISBN: 8881129124
  • Pagine: 281
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Franz Krauspenhaar, al suo quarto libro, racconta la storia di suo padre, un tedesco nato in Italia negli anni Venti, combattente della Wehrmacht, l'armata di Hitler, durante la seconda guerra mondiale. Narrando i ricordi di episodi vissuti personalmente e sentiti soltanto raccontare, Krauspenhaar va alla ricerca del padre perduto. Per far questo, come un rabdomante, cerca a occhi chiusi le vene d'acqua di una storia di vita interessante e piena di colpi di scena, intervallandola con la storia in presa diretta di come il libro viene concepito e scritto, in un'afosa estate. La storia di un padre che manca ma che si deve finalmente seppellire, di un figlio scrittore che lotta contro questa figura pur amandola sempre molto, e che vive la sua vita piuttosto solitaria frammezzata da telefonate di amici, da incontri galanti, da rabbie, paranoie, abbandoni quasi violenti alla tenerezza.

I libri più venduti di Franz Krauspenhaar

Tutti i libri di Franz Krauspenhaar

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Era mio padre e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Era mio padre, 31-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
I primi due terzi del libro sono quelle che mi sono piaciuti di più, ove, appunto, l'autore libera i propri ricordi, tramite una prosa fluida e piacevole, vivacizzata da cambi di registro linguistico e priva di futili leziosismi.
Il mordente sul lettore è costante, quasi tignoso, anche quando l’oggetto del narrare si mette in movimento come una farfalla, spostandosi dal padre ad una donna, alla propria città, alle presenze in Rete, addirittura al proprio libro. Come in un gioco di specchi in cui l’Autore prova a riconoscersi, a misurare le proprie diverse espressioni vitali, di fronte alla morte.
Il lavoro introspettivo è bello perché sincero e coinvolgente, quasi da ispirare tenerezza. Per le pulsioni che trasmette sembra un testo scritto di testa, di torace e di pancia. La scrittura come testimonianza di liberazione.
Ben bilanciata la presenza del padre e del figlio all’interno della narrazione, quasi ancora potessero dialogare insieme.
L’esposizione molla un po’ la presa sul lettore nelle ultime pagine, quando Krauspenhaar ha già dato molto. I contenuti non perdono pathos ma la prosa si fa un po’ stanca, meno vivace, meno riflessiva. Sembra caracollare verso una conclusione che sia di pari livello contenutivo, di pari spessore emozionale delle pagine che la precedono.
Ma sono solo impressioni.
Il libro si fa amare per la sua intimità.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti