€ 14.99
EPUB protetto da Adobe DRM
PDF protetto da Adobe DRM
Download immediato
Il desiderio e il suo oggetto. E-book

Il desiderio e il suo oggetto. E-book

di AA. VV.

Carta docenteAcquistabile la Carta del docente
La questione del desiderio e la sua articolazione con l'oggetto è molto complessa. Il rapporto che il desiderio contrae con la sua stessa origine, con l'oggetto, con la costruzione della soggettualità, con il bisogno, con la pulsione pone infatti numerosi interrogativi.
Il desiderio è una forza come la pulsione e come l'affetto, una quantità che come pulsione e affetto ha la sua fonte nel corpo. Che rapporti intercorrono tra questi elementi? E come la quantità si può trasformare negli aspetti qualitativi che animano il desiderio?
Il desiderio sovverte il registro del bisogno da cui sorge per "appoggio". Ma si tratta davvero di due aspetti così diversi del funzionamento somatopsichico?
Si potrebbe pensare, rovesciando il concetto di "appoggio", che il desiderio sorga contemporaneamente al bisogno e non secondariamente ad esso costringendolo a deviare dal suo proposito biologico?
Qual è lo statuto dell'oggetto in relazione al desiderio? L'oggetto del desiderio è esterno, interno (e in tal caso che rapporto contrae con le identificazioni), è sempre totalmente sostituibile o la sua scelta è, almeno in parte, determinata dal particolare tipo di soggettività di colui che desidera? In relazione a questa questione si potrebbe pensare che il desiderio rappresenta l'elemento di intersezione soggetto-oggetto, Io-Altro. Il desiderio, inoltre, potrebbe rappresentare un punto di equilibrio di due diversi regimi dell'Io: l'Io come soggetto dotato di una specifica singolarità e l'Io attraversato sempre dall'"impersonale" dell'inconscio da cui origina.
Forse si potrebbe concepire il desiderio come una funzione continuamente costruttrice di equilibri, sempre precari e sempre da ricostruire, tra l'adattamento dell'appagamento e il rilancio metonimico della ricerca dell'oggetto, tra costruzione del soggetto e dell'oggetto, tra singolarità soggettuale e costruzione culturale.

Raffaele Russo, psichiatra, psicoanalista SPI-IPA, membro associato dell'IIPG, lavora presso il Servizio Speciale di Psicoterapia dell'Università di Napoli Federico II ed è responsabile del DH della Clinica Psichiatrica.

Gemma Zontini, membro ordinario della SPI, dirige un Servizio Psichiatrico per Diagnosi e Cura della ASL Napoli 1 Centro. Ha scritto numerosi articoli e ha curato alcune antologie.

Indice
Gemma Zontini, Introduzione
Paolo Cotrufo, Il desiderio e il suo soggetto
Felice Cimatti, Dal corpo alla psicoanalisi e ritorno. Per farla finita con il desiderio
Alberto Luchetti, Lo strano caso del Dr Homo e Mr Sapiens. Dal desiderio senza oggetto all'oggetto senza desiderio
Rossella Pozzi, Desiderio, corpo, linguaggio
Sarantis Thanopulos, Il desiderio e il suo oggetto oltre la definizione di Freud
Gemma Zontini, Desideri, oggetti e altre cose pericolose
Bernard Chervet, "Fare l'amore". La regressione dei sensi e i lucchetti del corpo
Francesco Napolitano, Il desiderio come principio universale della psicoanalisi
Francesco Conrotto, Riflessioni sul desiderio
Roberto Musella, Si fa presto a dire desiderio.

Ultimi prodotti visti