€ 13.00
PDF protetto da Adobe DRM
Download immediato
Quantità:
Etica dellestetica. E-book

Etica dell'estetica. E-book

di Serafini Luca


Download immediato
Il postmodernismo è davvero il paradigma che porta a compimento la fine dell’etica comunitaria in un indiscusso trionfo dell’individualismo, inteso come «estetica dell’Io»? Tanto da destra quanto da sinistra, ne sembrano convinti quasi tutti i più importanti critici della postmodernità filosofica e culturale dagli anni ’60 ai giorni nostri. La tesi è questa: con il postmodernismo, esaurite le grandi narrazioni anche in campo morale, si affermano un edonismo della sensazione e una cultura del narcisismo che non lasciano spazio alla preoccupazione per la sorte altrui, in uno scenario caricato esteticamente come quello della società post-industriale, in cui le immagini e i segni pervadono l’intera realtà. Se questa critica coglie nel segno in riferimento ad autori postmoderni come Lyotard, Maffesoli e Lipovetsky, è anche vero però che il paradigma postmoderno contiene al suo interno i presupposti teorici per l’elaborazione di un’«etica dell’estetica» positivamente intersoggettiva. Partendo da Nancy e Derrida, fino ad approdare al concetto di «cosmopolitismo estetico» che Lash e Urry collegano al fenomeno della globalizzazione, questo libro, muovendosi tra filosofia e teoria sociale, dimostra come l’elemento percettivo e sensoriale contenuto nel termine aisthesis possa diventare vettore, nel pensiero postmoderno, non soltanto dell’espansione sensoriale illimitata dell’io, ma anche e soprattutto della sua apertura costitutiva agli altri, permettendo così di costruire su basi esistenziali ed extra-normative un’etica del «noi» di respiro cosmopolita.


Ultimi prodotti visti