€ 4.99
EPUB non protetto
Download immediato
Il giro del mondo a km0. E-book

Il giro del mondo a km0. E-book

di Isabella Dalla Vecchia, Sergio Succu

  • Editore: Youcanprint
  • Data di Pubblicazione: maggio 2020
  • Dimensione: 6.66 MB
  • Formato: EPUB
  • Protezione: Non Protetto
  • Dettagli Protezione: Nessuno
  • Versione Stampata: Il giro del mondo a km0
  • EAN: 9788831671033
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente
È ormai di moda comprare alimenti a km0, per l’ambiente e per la salute, ma hai mai pensato di viaggiare a km0? Assurdo? Assolutamente no. L’avventura verso remoti continenti non è alla portata di tutti, ma chi non può viaggiare così lontano, non deve rinunciare all'idea di visitarli. C’è chi vorrebbe viaggiare ma non può per mancanza di soldi, perché ha paura dell’aereo o semplicemente perché è pigro. In questo libro c'è la soluzione. Seguendo i nostri consigli potrai compiere un vero e proprio giro del mondo a km0, visitando luoghi italiani copia, riflesso o, a volte, addirittura ispirazione di celebri località del mondo. Ed ecco che in Italia è possibile trovare Betlemme, il mostro di Lochness, il Triangolo delle Bermuda, i luoghi di Re Artù, la tomba di Dracula, il Grand Canyon, le piramidi, Stonehenge, il Farwest, Auschwitz, la Grande Muraglia, la Statua della Libertà e perfino un Mohai. Continui a rimandare anno dopo anno il viaggio in America, giusto? È molto tempo che non vai in vacanza all'estero? Sei forse terrorizzato dall'aereo? O semplicemente ami l'Italia e tutto ciò che offre, ti è sufficiente? Se hai risposto affermativamente anche a una di queste domande, questo è il libro che fa per te, con esso potrai ufficialmente diventare un viaggiatore a km0. Se il signor Fogg ha girato il mondo in 80 giorni, tu lo potrai fare in zero chilometri: vedrai l'Italia come non l'hai mai vista, la amerai ancora di più, al contrario del tuo amico scontento che vorrebbe fuggire via, dimenticandosi che qui c’è tutto e il mondo lo si può visitare restando a casa. Quante volte ci siamo sentiti dire «Vado al museo egizio di Torino perché tanto è come se andassi a quello de Il Cairo»? E allora, perché non andare a «visitare» anche il resto del mondo?