€ 12.00
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Le due città

Le due città

di Mario Soldati


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Oscar scrittori moderni
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2006
  • EAN: 9788804561378
  • ISBN: 8804561378
  • Pagine: XXXVII-516
  • Formato: brossura
  • Ean altre edizioni: 9788811668503

Trama del libro

Protagonista de "Le due città" è Emilio Viotti, personaggio dai tratti fortemente autobiografici, nato e cresciuto a Torino in un clima di conformismo borghese, ipocrita e classista, e finito a dannarsi l'anima e perdere la vita a Roma, la città della seduzione e della tentazione. Il romanzo copre un vasto arco temporale, poco più di quarant'anni, dall'impresa di Libia al secondo dopoguerra e narra l'evoluzione di Emilio dallo stato di candore e onnipotenza infantile al ruolo di affermato produttore cinematografico, ricco dongiovanni, raffinato quanto astuto opportunista che, dopo aver dispendiosamente goduto di ogni cosa, è costretto a riconoscere, dall'orlo del suo baratro di agiatezza e ipocrisia, di aver completamente mancato la propria vita. Si rende conto di essersi lasciato e guardato vivere, sempre a metà, sempre sospeso tra un mai-più e un non-ancora, tra il qui e l'altrove simboleggiati appunto dalle due capitali, Torino e Roma. Ma è proprio da questo personaggio, un vero "uomo senza qualità", che l'arte di Soldati ha saputo trarre un groviglio incandescente di sostanza umana, liberandolo da una "quiete vuota e senza fondo".

I libri più venduti di Mario Soldati

Tutti i libri di Mario Soldati

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Le due città, 22-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Unico, bel romanzo storico di Dickens, ambientato tra Londra e Parigi ai tempi della rivoluzione francese con la quale alcuni personaggi incrociano le loro vicende personali; non mancano gli ingredienti classici Dickensiani - buoni sentimenti, ai limiti dell'inverosimile, cattivi che vengono sconfitti e attenzione alle sofferenze della povera gente - ma la parte più bella è la vista "da dentro" della rivoluzione e del Terrore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO