€ 9.50€ 10.00
    Risparmi: € 0.50 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Il discorso dei «fiumi di sangue». Birmingham, 20 aprile 1968: il più rovente atto d'accusa contro l'immigrazione di massa e la sostituzione dei popoli mai fatto da un

Il discorso dei «fiumi di sangue». Birmingham, 20 aprile 1968: il più rovente atto d'accusa contro l'immigrazione di massa e la sostituzione dei popoli mai fatto da un

di Enoch Powell


  • Editore: ITALIA Storica
  • Collana: Off Topic
  • A cura di: A. Lombardi
  • Data di Pubblicazione: settembre 2020
  • EAN: 9788831430111
  • ISBN: 8831430114
  • Pagine: 64
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Enoch Powell (1912-1998) era un deputato conservatore e poi unionista, eletto nel collegio di Wolverhampton nelle West Midlands, vicino a Birmingham. Il 20 aprile 1968 Enoch Powell terrà alla televisione ATV di Birmingham il suo discorso più importante, denominato il "Rivers of Blood" Speech perché, nel denunciare con veemenza i pericoli dell'immigrazione di massa, farà un riferimento a una delle profezie della Sibilla nell'Eneide; parlando di un fosco futuro se non si interviene drasticamente, dirà: "Quando guardo avanti, sono pieno di presagi; come un Antico Romano, mi sembra di vedere 'Il fiume Tevere schiumare di molto sangue'". Tutto prende origine dalla prima legge "antidiscriminatoria" e "contro l'incitamento all'odio razziale" che sarà varata dal governo laburista nello stesso anno: il Race Relation Act. Powell la ritiene profondamente ingiusta e potenziale fonte di discriminazione verso i suoi concittadini. La ricetta di Powell? Stop immigrazione e rimpatri. Per molti inglesi dell'epoca non era razzismo, ma si trattava di giustizia sociale, di mantenere un minimo di qualità della vita faticosamente conquistata dopo le lotte sindacali e due guerre mondiali. Con uno scritto di Maurizio Serra. Prefazione di Davide Olla.