€ 18.05€ 19.00
    Risparmi: € 0.95 (5%)
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Diritto senza identità. La crisi delle categorie giuridiche tradizionali

Diritto senza identità. La crisi delle categorie giuridiche tradizionali

di Umberto Vincenti

  • Editore: Laterza
  • Collana: Libri del tempo
  • Edizione: 2
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2007
  • EAN: 9788842084945
  • ISBN: 8842084948
  • Pagine: XIV-173
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Presso i Romani "regula" era l'asta di legno con cui si tracciava un rettifilo, era la sbarra conficcata nel suolo per delimitare uno spazio, era la norma o principio etico-giuridico dell'azione corretta. Separando il lecito dall'illecito, e distinguendo attività e rapporti umani, i giuristi romani hanno costruito una rete di categorie e sotto-categorie ordinatrici della realtà sociale e hanno corredato la cultura occidentale di un sistema di regole che ha sfidato il tempo. Ancora oggi si organizza il diritto privato attraverso le categorie di matrice romana, a cominciare da quelle fondanti: le nozioni di persona, famiglia, cosa, proprietà, possesso, contratto, l'idea stessa di giustizia quale attribuzione a ciascuno di quel ch'è suo. Categorie, nozioni, idee che hanno resistito quasi inalterate e che tuttavia, almeno a partire dalla fine della seconda guerra mondiale, non sono più in grado di restituire identità precise. È ancora possibile, oggi, ricostruire un'identità giuridica definita e non sfumata della persona, della cosa oggetto di dominio, della famiglia e di molte altre categorie che la nostra tradizione ha consegnato nette? Se si vuole che il diritto continui ad adempiere efficacemente alla propria finalità, occorre fissare nuovi confini categoriali, rivedendo o sostituendo quelli tradizionali. In questa situazione non sarebbe possibile non solo una pratica ma nemmeno una teoria della giustizia giuridica, che può fondarsi solo se sussistono confini certi.


Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Diritto senza identità, 15-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Una riflessione interessante sulla crisi delle categorie giuridiche tradizionali, conseguente al profondo mutamento della struttura della società occidentale intervenuto durante il Novecento. Lo stile elegante e piacevole lo rendono un libro consigliato non solo a chi si occupa di diritto o a studenti di giurisprudenza, ma a chiunque voglia approfondire questa affascinante tematica.
Ritieni utile questa recensione? SI NO