€ 14.10€ 15.00
    Risparmi: € 0.90 (6%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Dio non è grande. Come la religione avvelena ogni cosa

Dio non è grande. Come la religione avvelena ogni cosa

di Christopher Hitchens


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Descrizione del libro

"La fede religiosa è inestirpabile, appunto perché siamo creature ancora in evoluzione. Non si estinguerà mai, o almeno non si estinguerà finché non vinceremo la paura della morte, del buio, dell'ignoranza e degli altri". Questa la tesi da cui parte "Dio non è grande". Muovendosi tra l'analisi dei testi di fondazione delle grandi religioni (Bibbia e Corano sopra tutti) e la riflessione sull'attualità politica e sullo scontro di civiltà in atto, Hitchens costruisce un implacabile atto di accusa contro le follie cui l'uomo si abbandona nel nome di una fede: oscurantismo, superstizione, intolleranza, senso di colpa, terrore verso la sessualità, anti-secolarismo. Contro questi non-valori, e memore della grande tradizione laica anglosassone, Hitchens reclama un ritorno alle idee dell'illuminismo, intessendo un elogio arguto e a tratti commovente della ragione umana. Un saggio che senza mai rinunciare alle armi dell'ironia e del paradosso, costringe faziosamente il lettore a schierarsi.

I libri più venduti di Christopher Hitchens:

Tutti i libri di Christopher Hitchens

Acquistali insieme:

Gli utenti che comprano Dio non è grande. Come la religione avvelena ogni cosa acquistano anche Il tackle nel deserto. L'altro volto del mondo arabo visto attraverso un pallone di Luigi Guelpa € 12.50
Dio non è grande. Come la religione avvelena ogni cosa
aggiungi
Il tackle nel deserto. L'altro volto del mondo arabo visto attraverso un pallone
aggiungi
€ 26.60

Voto medio del prodotto:  4.0 (4 di 5 su 1 recensione)

4.0Dio non è grande, 06-10-2010, ritenuta utile da 7 utenti su 8
di - leggi tutte le sue recensioni
Tutto vero. Tutto scientificamente documentato: le falsità contenute nelle scritture, i dubbi degli storici sui loro autori e protagonisti a partire da Gesù, le follie e le carneficine che ne sono derivate e che stano ancora arrivando. Ho apprezzato molto la sottolineatura della distinzione tra il bisogno religioso, connaturato ed inesauribile nell'uomo e l'artificiosa arbitrarietà delle credenze monoteistiche; tra l'idea tutta umana di un dio che spieghi quel che non si riesce a comprendere ed il mostro manovrato dalle gerarchie clericali di ogni appartenenza. Questi libri "militanti" saranno anche un pò pedanti, ma sono cose che vanno ancora dette e ridette. Ce n'è bisogno purtroppo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO