€ 17.00€ 20.00
    Risparmi: € 3.00 (15%)
Disponibilità immediata solo 1 pz.
Ordina entro 23 ore e 57 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo giovedì 21 marzo Scopri come
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Il dialogo pubblico-privato nello sviluppo dell'economia sostenibile. Il case history della gestione dei rifiuti tra rischi ed opportunità

Il dialogo pubblico-privato nello sviluppo dell'economia sostenibile. Il case history della gestione dei rifiuti tra rischi ed opportunità

di L. Vespignani (a cura di)


Disponibilità immediata solo 1 pz.
  • Editore: Mucchi
  • A cura di: L. Vespignani
  • Data di Pubblicazione: dicembre 2018
  • EAN: 9788870007732
  • ISBN: 8870007731
  • Pagine: 268
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Sconti Potenti! Università  e Professionale

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Il volume contiene i risultati del progetto finanziato dal fondo FAR 2015 dell'Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia "Il dialogo pubblico-privato nello sviluppo dell'economia sostenibile", al quale hanno partecipato il Dipartimento di Giurisprudenza ed il Dipartimento di Ingegneria "Enzo Ferrari". La ricerca ha inteso affrontare, con un approccio multidisciplinare e multilivello, alcune delle implicazioni derivanti dalle indicazioni europee nell'ambito dell'incentivazione e della promozione di economie sostenibili, tenuto conto che, a fronte di numerosi piani di intervento, più o meno settoriali, volti a promuovere la tutela dell'ambiente, non pochi problemi sorgono nel momento in cui si richiede agli operatori di realizzare gli obiettivi delineati. In tal senso, un tavolo di sperimentazione molto interessante è fornito dal settore dei rifiuti, nel quale i vincoli giuridici tradizionali, specialmente nell'attuale congiuntura economica negativa, alimentano incertezze e costituiscono un freno all'innovazione.


Ultimi prodotti visti