€ 13.30€ 14.00
    Risparmi: € 0.70 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata solo 1 pz.
Ordina entro 15 ore e 11 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo mercoledì 12 maggio. Scopri come

Disponibile in altre edizioni:

Destini personali. L'età della colonizzazione delle coscienze
€ 14.25 € 15.00
Disponibilità immediata solo 2 pz.
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Destini personali. L'età della colonizzazione delle coscienze

Destini personali. L'età della colonizzazione delle coscienze

di Remo Bodei

18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Ognuno di noi è il risultato di un corpo ricevuto per eredità biologica e di stampi anonimi (lingua, cultura, istituzioni), le cui impronte rielabora in forma inconfondibilmente personale. A lungo, in Occidente, questi processi d'individuazione sono stati garantiti dalla fede nel loro inamovibile fondamento: l'anima immortale. Con la progressiva erosione di tale sostegno, ha inizio la consapevole costruzione dell'individualità mediante gli strumenti artificiali della politica e dei saperi scientifici. Attraverso tecniche di ingegneria umana, il potere, interiorizzandosi, rende il singolo più facilmente plasmabile, invadendone la coscienza. Nello stesso tempo, la disarticolazione e la scissione del presunto carattere monolitico della personalità permettono una sua diversa ricomposizione entro inediti orizzonti di libertà. Il libro analizza storicamente e teoricamente tali vicende avendo come sfondo il periodo che va dalla fine del Seicento alle soglie del presente, ma come primo piano la fase politica d'incubazione e di sviluppo dei fascismi e quella filosofica, scientifica e letteraria del fiorire di progetti di potenziamento o di negazione dell'individualità e di sviluppo delle scienze della vita.


Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4L'identità personale, 20-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
"Destini personali" descrive la evoluzione di un concetto, quello di identità personale, dalla sua nascita (Locke) al suo tramonto, passando per Schopenhauer, Pirandello, Proust, Meinecke, Bergson, giù giù fino agli studiosi delle folle e delle masse come Le Bon e Freud. L'ultima parte, sulla filosofia attuale, è un po' più debole di quella riservata al transito tra XIX e XX secolo, e le considerazioni finali per reinquadrare l'argomento dell'identità personale dalla prospettiva filosofica sono forse un po' campate in aria (ma si tratta di sincere ipotesi di lavoro) . Nonostante questo, però, Destini Personali è un saggio che riconcilia con l'accademia: appassionante e erudito assieme.
Ritieni utile questa recensione? SI NO