€ 24.00€ 25.00
    Risparmi: € 1.00 (4%)
Spedizione a 1 euro sopra i € 25
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Degno il sepolcro se fu vil la cuna. L'universo poetico di Isabella Morra

Degno il sepolcro se fu vil la cuna. L'universo poetico di Isabella Morra

di Alessandra Dagostini


  • Editore: Longobardi
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2011
  • EAN: 9788880903826
  • ISBN: 8880903829
  • Formato: brossura
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Una voce senza corpo, un nome senza volto. Questa è l’immagine che ci viene tramandata di Isabella Morra, petrarchista lucana del Cinquecento, nata e vissuta a Valsinni, l’antica Favale, remoto angolo selvaggio del Materano, e ingiustamente dimenticata per quasi quattro secoli fino alla riscoperta di Benedetto Croce, che l’ha rilanciata di diritto nel panorama letterario.
Tragico e commovente, il caso della “poetessa fanciulla” sembra racchiudere in sé tutti gli elementi di una trama romanzesca: dal dramma della sua forzata reclusione nel castello di famiglia alla fine violenta e misteriosa per mano dei suoi fratelli, che la uccisero nel fiore degli anni assieme al precettore e a Diego Sandoval de Castro, suo presunto amante, anch’egli poeta, marito della nobildonna Antonia Caracciolo e signore della vicina terra di Bollita, con cui l’infelice baronessa aveva intrecciato una furtiva corrispondenza epistolare. Un singolare giallo fatto d’amore, di politica, di vendetta e di morte, dal quale la Morra emerge come una figura di straordinaria attualità; un’eroina di “inchiostro” che osò sfidare, sexum superando, il grigiore delle convenzioni sociali, facendo della poesia una ragione di vita. Difficilmente ritroviamo nei petrarchisti del Cinquecento versi così intensi e vibranti, che ci restituiscono il segno poetico di un’anima tormentata, ora disperata nella solitudine, ora felice nell’estasi mistica, ma perennemente assetata di luce e di immortalità.