€ 8.40
Fuori catalogo - Non ordinabile
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
La debolezza del più forte. Globalizzazione e diritti umani

La debolezza del più forte. Globalizzazione e diritti umani

di Noam Chomsky, Vandana Shiva, Stiglitz Joseph E.


Fuori catalogo - Non ordinabile
  • Editore: Mondadori
  • Collana: Piccola biblioteca oscar
  • A cura di: Gibney M. J.
  • Traduttore: Amadasi G.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2004
  • EAN: 9788804535775
  • ISBN: 8804535776
  • Pagine: 298

Descrizione del libro

Il commercio su scala planetaria, la rivoluzione del web, i satelliti, il nuovo turismo di massa fanno circolare sempre più velocemente merci, persone, idee e informazioni. In questo scenario in continuo e profondo mutamento che fine fanno i diritti umani? Se lo sono chiesto alcuni importanti intellettuali riuniti presso l'università di Oxford per un ciclo di conferenze e dibattiti patrocinato da Amnesty lnternational. Filosofi, letterati, economisti, giuristi, attivisti politici e ambientalisti hanno discusso del rapporto tra globalizzazione e diritti umani, ognuno con un approccio differente. Il testo dei loro interventi è stato raccolto in questo volume.

Tutti i libri di Noam Chomsky

Voto medio del prodotto:  3.0 (3 di 5 su 1 recensione)

3.0Globalizzazione e diritti umani incompatibili?, 14-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il volume raccoglie interessanti contributi sul tema della globalizzazione rilevando sistematiche violazioni dei diritti umani. Al saggio di ogni illustre autore segue un contributo che ne rileva criticità e ne amplia il punto di vista. Tra i saggi più interessanti, a mio parere, quello di Vandana Shiva che parla del controllo delle multinazionali sull'alimentazione (dall'autrice definito come "fascismo alimentare") ; quelli di Noam Chomsky, il primo sull'ordinamento politico e quello economico in relazione ai diritti umani, il secondo sulla libertà di informazione, e infine, il contributo di Susan George, che illustra la tesi che la globalizzazione neoliberista sia incompatibile con la globalizzazione dei diritti umani.
Ritieni utile questa recensione? SI NO