€ 14.00
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Attualmente non disponibile, ma ordinabile (previsti 15/20 giorni lavorativi)
Effettua l'ordine e cominceremo subito la ricerca di questo prodotto. L'importo ti sarà addebitato solo al momento della spedizione.
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Dante (quasi) umanista. Sesso, eresie e orgoglio dell'umana «semenza»

Dante (quasi) umanista. Sesso, eresie e orgoglio dell'umana «semenza»

di Vittore Vezzoli

  • Editore: Tralerighe
  • Collana: Calibri
  • Data di Pubblicazione: maggio 2021
  • EAN: 9788899575403
  • ISBN: 8899575401
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Dante indulgente con i lussuriosi ed empatico verso gli amanti per antonomasia, Paolo e Francesca. Dante che non nasconde i suoi giovanili trascorsi sodomiti e addirittura fa outing. Dante che aderisce all'eresia catara. E soprattutto Dante come "doppio" di Ulisse, spinto sì a "seguir virtute e canoscenza" ma in virtù dell'umana "semenza", il peccato nascosto, una hybris che tornerà alla fine del viaggio con intercessione di S. Bernardo e qualche funambolismo teologico. Basta questo per parlare di una "modernità" di Dante? Non esageriamo. Questo saggio non perde mai di vista il "groviglio, tutto medievale, di dogmi ed eresie" in cui il Poeta si muove. Tuttavia ce ne dà un'immagine eterodossa percorrendo un itinerario che tocca molte grandi questioni che animeranno i secoli successivi, fino ai giorni nostri. Il libro è l'erede dichiarato del precedente saggio di Vezzoli (Dante, sesso ed eresie) in parte riproposto con revisioni e ampliamenti. Ma si arricchisce di una nuova parte incentrata sulle figure della Commedia ? Francesca, Brunetto e Ulisse ? che più mettono in luce un pensiero (e un travaglio) di Dante che lascia intravedere i primi segni dell'umanesimo prossimo venturo.