€ 14.25€ 15.00
    Risparmi: € 0.75 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 2/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

Cuori a spigoli

di Cinzia Bomoll

  • Editore: Ianieri
  • Collana: Notturni
  • Data di Pubblicazione: giugno 2019
  • EAN: 9788894890792
  • ISBN: 8894890791
  • Pagine: 193
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

Come se fosse un mosaico composto dai frammenti di cuori dei suoi personaggi, questo romanzo incastona l’una sull’altra storie di donne e uomini, raccontate sempre attraverso uno sguardo trasversale e sopra le righe. Ispirandosi al meccanismo narrativo del celebre Girotondo di Arthur Schnitzler, che l’autrice riprende con una certa elasticità, nel micromondo creato dalla Bomoll tutto è mosso man mano dalla passione o dal desiderio, dalla rabbia o dalla noia, dal rammarico, dalla vendetta. Fra i personaggi che si incrociano come in un gioco a incastri incontriamo varie tipologie di amanti e fidanzati, dal feticista dei piedi, alla ragazza che rivede tutti i suoi ex, dalla moglie di un politico e la figlia anoressica alla medico legale anaffettiva, passando per un giovane ribelle, una poliziotta coi sensi di colpa, un trans che canta le canzoni di Mina, una paranoica signora e la sua nuora cattiva, fino ad un’attrice nostalgica e la donna che le rubò il cuore e forse la vita.
Cinzia Bomoll si muove tra cinismo e sentimentalismo, tra i toni della commedia nera e del racconto intimista, disegnando personaggi ben congegnati, che si muovono in maniera imprevedibile e hanno tutti in comune
la sensazione d’essere in attesa di qualcosa o qualcuno. Cuori a spigoli è un romanzo vivace dalle varie chiavi di lettura, da cui emerge intenso quel senso di irrequietezza e isolamento legato alla nostra società, una narrazione coinvolgente in cui l’amore scorre lungo ogni pagina fino al sorprendente e inaspettato colpo di scena finale.
Quella mattina del 2 agosto arrivava sua madre a fargli visita da Lecce e lui era in ritardo per colpa del suo orologio da polso che si era fermato nella notte. Non era ad aspettarla alla stazione, come aveva promesso, lasciandola perplessa al binario per quasi un’ora. Dalle 9.50 alle 10.20. Lui arrivò di corsa alle 10.40…