€ 15.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 

Disponibile in altre edizioni:

La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale
€ 32.00 € 27.20
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale

La crisi delle scienze europee e la fenomenologia trascendentale

di Edmund Husserl


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Il Saggiatore
  • Collana: Saggi. Tascabili
  • A cura di: E. Paci
  • Traduttore: Filippini E.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2008
  • EAN: 9788856500332
  • ISBN: 8856500337
  • Pagine: 588
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Descrizione del libro

Negli anni trenta, Edmund Husserl avverte acutamente la crisi che l'Europa sta attraversando come un fenomeno complesso che coinvolge esistenza e pensiero. In questa sua ultima opera postuma, testamento della scuola fenomenologica, Husserl cerca le origini spirituali di tale crisi, tracciando un abbozzo storico-critico del pensiero filosofico e scientifico moderno, facendo emergere la necessità di risalire a quella dimensione dimenticata dell'esperienza soggettiva che costituisce la nostra esistenza quotidiana.
A Husserl fanno capo Sartre e Heidegger e gran parte della filosofia contemporanea. Uscita postuma nel 1954, La crisi delle scienze europee non è soltanto l'opera alla quale Husserl ha affidato il messaggio conclusivo della fenomenologia: è un libro riconosciuto come classico, degno di figurare accanto al Discorso sul metodo di Cartesio e alla Fenomenologia dello spirito di Hegel. Chi non conosce ancora la fenomenologia, troverà nella Crisi un insuperabile testo introduttivo.

Tutti i libri di Edmund Husserl

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Storia di una crisi, 13-03-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
L'Husserl più concreto e polemico, nei confronti delle scienze, nei confronti di Heidegger e dei suoi allievi, nei confronti di un mondo alla deriva, scardina quello che ancora Galileo, Cartesio, Locke e Kant ritenevano 'puro' : la Natura o l'Io. Invece per Husserl tutto nasce dal mondo-della-vita ed è da lì che bisogna partire, dal processo infinito che vi si attua, nel quale tutti operano e dal quale tutti sono influenzati. Anche ciò che è a priori, o può essere considerato tale, si eleva dall'esperienza fenomenologica che non è più un limite oltre il quale c'è l'Essere, ma è l'Essere stesso. La drammaticità delle considerazioni di Husserl si intrecciano con una chiara spiegazione storica sui fondamenti della nozione della scienza moderna e della coscienza e della soggettività, da Cartesio a Galilei. Un pò reazionario, ma grande insegnante.
Ritieni utile questa recensione? SI NO