€ 18.05€ 19.00
    Risparmi: € 0.95 (5%)
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
La creazione

La creazione

di Edward O. Wilson

  • Editore: Adelphi
  • Collana: La collana dei casi
  • Traduttore: Barbiero G.
  • Data di Pubblicazione: novembre 2008
  • EAN: 9788845923241
  • ISBN: 884592324X
  • Pagine: 198
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Il ruolo delle formiche nella biosfera - dice Edward Wilson - è così importante che l'umanità forse non potrebbe sopravvivere senza di esse. Ma l'umanità, prigioniera della propria strategia arcaica della sopravvivenza a breve termine, è ancora troppo concentrata su se stessa e sui propri bisogni, e sta distruggendo la natura con la forza di un meteorite. Entro la fine del secolo, metà di tutte le specie potrebbero essere definitivamente uscite di scena. Avrà allora inizio quella che potrebbe venire ricordata un giorno come l'Era eremozoica - l'Età della Solitudine. I costi materiali e spirituali per le generazioni future rischierebbero di essere sbalorditivi, ma a scongiurare tutto questo non bastano mere considerazioni utilitaristiche. Per risultare realmente efficace, la strategia di conservazione deve tentare di collegare l'approccio razionale tipico della scienza con quello più emotivo e spirituale offerto dalla nostra innata "biofilia", tendenza che permane, seppure atrofizzata, persino nei bozzoli artificiali in cui scorre la nostra esistenza urbana e che potrebbe diventare il fondamento di una nuova etica. Wilson per la sua perorazione ha scelto la singolare forma di una lettera indirizzata a un immaginario uomo di chiesa, nella speranza che religione e scienza, "le forze più potenti nel mondo di oggi", possano incontrarsi "al di qua della metafisica" per salvare il futuro della vita sulla Terra.


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su La creazione e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4Verso un nuovo approccio socioeconomico, 18-11-2009, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Edward Wilson, colui che ha forgiato il concetto di biodiversità, immagina in questo libro di scrivere una lunga lettera ad un Pastore Battista della Chiesa anglicana, concernente il futuro della biodiversità, della vivibilità del pianeta scelto e, quindi della nostra stessa sopravvivenza. Perché indirizzare questa missiva ad un Pastore, si chiederà il lettore, da parte di un Ateo dichiarato? La risposta va ricercata nell'urgenza, percepita da Wilson, delle scelte in campo ecologico e sociale che si trova a dover affrontare l'umanità. Attenzione, non solo le elite economiche e politiche, ma le scelte cui ogni persona deve far fronte per garantire il futuro di noi tutti. Infatti, pur a fronte del grande progresso che ha caratterizzato gli ultimi decenni, l'umanità non può sopravvivere in assenza di un'adeguata diversità ambientale: una volta eliminata la maggior parte delle specie viventi, diminuite drasticamente le risorse non rinnovabili, ed alterato drasticamente l'ambiente, in uno scenario che l'Autore definisce eremozoica (ossia della solitudine), la nostra specie, insieme a moltissime altre, si avvierà mestamente verso la propria estinzione. Unica alternativa a questo scenario da incubo ma, purtroppo realistico, un deciso cambio di rotta. Ecco la ragione per cui un Ateo si rivolge ad un Sacerdote: per coinvolgere coloro che, almeno a parole, sono orientati alla salvezza dell'umanità in una capillare opera di divulgazione e coinvolgimento cui nessuno dovrebbe sottrarsi. Ovviamente, per dare risposte realistiche, bisogna gettare alle ortiche il kit ideologico degli ecologisti e rendersi conto della necessità di fare scelte prioritarie, eliminando l'deologia, altrettanto perniciosa, dell'inesauribilità delle risorse e sostituirla con la consapevolezza della necessità di uno sviluppo armonico e razionale, ragionevolmente perseguibile da tutta l'umanità.
Certo, a fronte dei catastrofisti di professione, bisogna dare informazioni corrette e ragionate e sostituire i proclami con l'invito, tecnicamente motivato, ad effettuare scelte razionali, eliminando gli sprechi e ottimizzando l'utilizzo delle risorse.
Ritieni utile questa recensione? SI NO