€ 20.90€ 22.00
    Risparmi: € 1.10 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Contro il revisionismo da Chruscev a Gorbacev. Saggi, diari e documenti

Contro il revisionismo da Chruscev a Gorbacev. Saggi, diari e documenti

di Kurt Gossweiler


  • Editore: Zambon Editore
  • Collana: Le radici del futuro
  • A cura di: A. Bernardini, A. Chiaia
  • Traduttori: Liberati A., Sattel-Bernardini I.
  • Data di Pubblicazione: dicembre 2009
  • EAN: 9788887826432
  • ISBN: 8887826439
  • Pagine: 568
  • Formato: rilegato
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Una raccolta di saggi e pagine di diari in cui l'autore, comunista fin dai primi anni giovanili e già membro della SED, illustra il sorgere e l'avanzare del fenomeno revisionista e i suoi effetti negativi, sino alla caduta dei sistemi socialisti europei, e descrive le forti resistenze opposte dal movimento comunista internazionale e nel suo paese (Rdt) contro il revisionismo moderno. Un'analisi fondamentale per comprendere quanto è avvenuto nei paesi del cosiddetto socialismo reale a confutazione delle teorie opportunistiche e mistificatorie largamente propagandate.

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Contro il revisionismo da Chruscev a Gorbacev. Saggi, diari e documenti acquistano anche Dimmi tutto ciò che senti. Le più belle lettere d'amore a Giulia di Antonio Gramsci € 15.20
Contro il revisionismo da Chruscev a Gorbacev. Saggi, diari e documenti
aggiungi
Dimmi tutto ciò che senti. Le più belle lettere d'amore a Giulia
aggiungi
€ 36.10

Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4L'URSS di Lenin e Stalin visto da dentro: e poi?, 12-01-2020
di - leggi tutte le sue recensioni
Il lavoro d Gossweiler, severa raccolta di documentazione sull'URSS praticamente non circolante neanche in ambito scientifico (quanto meno in Italia) , racconta di una rivoluzione riuscita e apprezzata dai popoli sovietici sino all'epoca staliniana, e sistematicamente mistificata all'estero come "impero del male". Nelle pieghe del sistema sovietico, vero esperimento di costruzione sociale e statuale, Gossweiler evidenzia come da Krushev in poi - e senza soluzione di continuità sino a Gorbacev - si sia proceduto a uno smantellamento, consapevole eo non, dell'assunto fondamentale della rivoluzione: l'incompatibilità tra socialismo e capitalismo. Il revisionismo consiste dunque nel mero sentimento che "si possa fare", cioè che si possano combinare i due sistemi senza compromettere il socialismo. Tale assunto, minante i presupposti filosofici elaborati da Lenin, avrebbe condotto storicamente a un espulsione dei più genuini sostenitori della rivoluzione dai gangli della società e del partito, sempre più aprendo porte e passaggi a manovre dell'astuto e aggressivo capitale occidentale, sempre ben pronto a presentarsi pubblicamente come il mite agnello versus il lupo sovietico. Inquietante la serrata ricostruzione dell'azione di smantellamento condotta da Gorbacev, ripercorsa nelle sue posizioni e dichiarazioni contenute in documenti ufficiali (congressuali, cerimoniali, diplomatici) . Il grande equivoco ormai dominante, l'epocale mistificazione è dunque che il sovietismo si sia estinto per insufficienza, nella pratica, dei suoi fondamenti filosofici: dai quali in realtà era stato, lentamente e sopitamente, disincardinato dall'interno. Roccaforte imprendibile si espugna dall'interno": profezia formulata dallo stesso Stalin. Onesto, Gossweiler, nel commentare come la battaglia interna tra staliniani e revisionisti avrebbe potuto, e dovuto, coinvolgere attivamente, apertamente, "democraticamente" gli strati popolari per esser vinta dai primi, anziché cedere al timore e all'irrigidimento indotti dal decennale assedio internazionale. Alcune note archivistiche e bibliografiche potrebbero essere state, nella traduzione, più precise. Nel complesso, il libro è uno strumento imprescindibile per studiare la storia di una "momentanea" (Gossweiler) sconfitta. Francesco Maria Fabrocile
Ritieni utile questa recensione? SI NO