€ 15.72€ 18.50
    Risparmi: € 2.78 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

Il Consiglio d'Egitto
Il Consiglio d'Egitto(2009 - brossura)
€ 10.00 € 8.00
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Il consiglio d'Egitto

Il consiglio d'Egitto

di Leonardo Sciascia


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Adelphi
  • Collana: Fabula
  • Edizione: 11
  • Data di Pubblicazione: maggio 1989
  • EAN: 9788845906961
  • ISBN: 8845906965
  • Pagine: 170

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Abdallah Mohamed ben Olman, ambasciatore del Marocco, si trova a Palermo nel dicembre 1782, per via di una tempesta che ha fatto naufragare la sua nave sulle coste siciliane. È questo il caso che fa nascere, nella mente dell’abate Vella, maltese, e incaricato di mostrare all’ambasciatore le bellezze di Palermo, un disegno audacissimo: far passare il manoscritto arabo di una qualsiasi vita del profeta, conservato nell’isola, per uno sconvolgente testo politico, Il Consiglio d’Egitto, che permetterebbe l’abolizione di tutti i privilegi feudali e potrebbe perciò valere da scintilla per un complotto rivoluzionario. Così «dall’ansia di perdere certe gioie appena gustate, dall’innata avarizia, dall’oscuro disprezzo per i propri simili, prontamente cogliendo l’occasione che la sorte gli offriva, con grave ma lucido azzardo, Giuseppe Vella si fece protagonista della grande impostura». Pubblicato per la prima volta nel 1963, Il Consiglio d’Egitto è in certo modo l’archetipo, e il più celebrato, fra i romanzi-apologhi di Sciascia, dove lo sfondo storico della vicenda si anima fino a diventare una scena allegorica, che in questo caso accenna alla storia tutta della Sicilia.

I libri più venduti di Leonardo Sciascia

Tutti i libri di Leonardo Sciascia

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.6 di 5 su 7 recensioni)

5Imperdibile, 14-07-2017
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo sempre attuale, amaro e beffardo. Italiano perfetto. Già letto molti anni fa, l'ho ripreso dopo aver distrutto il volume nei passaggi da una abitazione all'altra.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Esilarante, 29-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un quadro storico del popolo siciliano imperdibile, da affiancarsi certamente ai grandi classici come il Gattopardo. Una storia accaduta realmente che viene ripresa dall'abile Leonardo Sciascia, che lascia scivolare deliziosamente ogni pagina sotto gli occhi dei lettori ironizzando su personalità storiche alquanto pittoresche.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Illuminista, 28-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Che narratore, il Sciascia. Ambientato nella Sicilia del Seicento, è la storia di un'astuta mistificazione di papiri arabi, e di un tragico tentativo di cambiamento della situazione politica siciliana. Due protagonisti fenomenali, sdegno per la tortura, ironia e crudezza, elogio della Ragione, disincanto verso i potenti e il potere, e altro, in meno di centocinquanta pagine. Non è la su opera migliore, e ciononostante è un gran romanzo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Il Consiglio d'Egitto, 26-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Con la tecnica del romanzo storico Sciascia vuole riportare agli occhi del lettore tutta l'ambiguità della situazione italiana contemporanea. Così, con l'ironia e il sarcasmo che sono propri dell'autore siciliano, si narra dell'episodio dell'abate Vella, che sul finire del XVIII secolo ebbe la bella pensata di buggerare gli intellettuali siciliani e anche parte di quelli europei falsificando la traduzione di un codice arabo e poi costruendone uno completamente nuovo, grande esercizio di impostura svolto unicamente per trarne propri benefici.
La truffa, perché questo è il reato commesso, ha quasi dell'incredibile, ma è d'obbligo precisare che questo religioso ebbe l'indubbia capacità di attirare il positivo interesse dei nobili siciliani con il primo codice (Il Consiglio di Sicilia) , mentre con il secondo (Il Consiglio d'Egitto) invece capovolse la situazione, con principi e baroni timorosi di perdere i loro secolari privilegi a vantaggio del Re.
Detto così sembrerebbe poca cosa, la semplice storia di un birbante, ma inserito nel contesto dell'epoca è rimarchevole l'intreccio fra l'impostura e il tentativo di modernizzare l'isola grazie all'opera dell'illuminato Viceré Caracciolo.
In effetti esisteva un dissidio, nemmeno tanto latente, fra la corona e la nobiltà sicula, privilegiata da secoli al punto da costituire nella scala sociale un'entità di potere autonoma, sulla quale il re poteva ben poco.
I fuochi della rivoluzione francese, lo spirito libertario ed egualitario che la stessa portava tuttavia finì per rinsaldare i legami fra il monarca e i suoi vassalli, spezzando e di fatto seppellendo ogni tentativo di modernizzazione.
Al personaggio emblematico dell'impostore si accompagna quello di chi invece ha voluto essere se stesso fino in fondo, quell'avvocato Francesco Paolo Di Blasi, illuminista ed eticamente convinto dell'uguaglianza degli uomini al punto di tentare di avviare una vera e propria rivoluzione; la congiura, scoperta prima di essere posta in atto, lo porterà prima all'arresto, poi alla tortura e infine alla condanna a morte per decapitazione. Per quanto il paragone possa sembrare distonico, la figura dell'abate, scoperto nell'inganno e rinchiuso in carcere, è una luce viva che poco a poco si spegne, mentre quella del cospiratore è una lampada che, anche dopo la sua morte, arde soave, un segno di speranza per un futuro, anche se molto di là a venire. Infatti, Di Blasi ha provato almeno a smuovere le acque, torbide, limacciose della forza parassita che domina in Sicilia, ieri come oggi, ieri i nobili, oggi la mafia.
L'ultimo capitolo, quello della esecuzione della sentenza di morte del cospiratore, è di rara e incomparabile bellezza, poche pagine preziose che chiudono nel migliore dei modi un romanzo di grande valore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Il grande complotto: il Consiglio d'Egitto, 11-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Il consiglio d'Egitto non è il romanzo più famoso di Sciascia ma merita di essere letto. Il gran complotto di Giuseppe Vella che fa tremare tutti gli arisocratici perchè significherebbe l'abolizione dei privilegi feudali. Da questo intrigo prende spunto il romanzo di Sciascia che risulta abbastanza scorrevole. Splendida anche la descrizione della Sicilia di fine 700'. Un romanzo interessante che da buoni spunti di riflessione. Consigliato
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Il consiglio d'Egitto (7)


Prodotti correlati

Gli altri utenti hanno acquistato anche...

Ultimi prodotti visti