€ 14.87€ 17.50
    Risparmi: € 2.63 (15%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Collodoro

Collodoro

di Salvatore Niffoi


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Adelphi
  • Collana: Fabula
  • Data di Pubblicazione: marzo 2008
  • EAN: 9788845922497
  • ISBN: 8845922499
  • Pagine: 291
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Ne ha sempre avuti parecchi di guai, Antoni Sarmentu. Prima e dopo quel terribile giorno di settembre in cui salì al santuario della Madonna di Gonare a chiederle la grazia di trovare un marito per la figlia e di fermare il tumore che gli stava consumando la moglie. D'improvviso, al momento della comunione, cominciarono a cadere chicchi di grandine grossi come ghiande, e un fulmine penetrò nella chiesa e colpì proprio lui, Antoni, riducendolo come "uno stoppino bruciato" e lasciandogli, al posto della filigrana dorata della catenina di battesimo, "un sottile ricamo alla base del collo". Da quel giorno a Oropische tutti lo chiamarono Collodoro. Ma il fulmine (o forse la Madonna stessa) gli aveva lasciato un altro dono, più inquietante e più segreto: il temibile potere di guardare dentro la testa della gente, e di vedere i loro peccati. A cominciare da quelli del parroco, don Basiliu, che di tutti i peccatori del paese era il più abietto e il più infido. Ma il giorno di Ferragosto, ventiquattr'ore prima dell'esproprio delle terre di Monte Piludu, l'intero paese si metterà in marcia contro funzionari, carabinieri, speculatori. E sarà una battaglia memorabile.

I libri più venduti di Salvatore Niffoi

Tutti i libri di Salvatore Niffoi

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Collodoro acquistano anche L' ultimo inverno di Salvatore Niffoi € 6.90
Collodoro
aggiungi
L' ultimo inverno
aggiungi
€ 21.77

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Collodoro e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 4 recensioni)

4Una favola sarda, 22-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Trama benniana in lingua sarda. Affrontata con tutti i difetti che sono propri della scrittura di Niffoi, lontanissima dal sarcasmo dell'illustre collega. Anche qui non mancano gli apici di fantasia, ma sono per lo più lugubri e angoscianti. Comunque, alla mia terza prova con Niffoi, confermo: è un signor scrittore, che ti fa fare di buon grado pure la fatica di doverti sgrovigliarti in mezzo a un dialetto scarsamente comprensibile.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Secondo me..., 31-03-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Aprire le pagine di questo libro è entrare in un mondo visionario ed iperrealista, sottilmente poetico e brutalmente carnale. Protagonista è una comunità arcaica e fortemente identitaria della Sardegna, con riti e misteri, le cui storie, zeppe di peccati e dolori, si intrecciano fittamente e vi cavalcano incontro sull'aura di un'antica lingua magica. Non è consigliato solo se non ve la sentite di cimentarvi con il sardo.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Collodoro, 28-10-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
La lingua italiana è mescolata a quella sarda in una fusion memorabile per eleganza, forza descrittiva e raffinatezze sintattiche. Personaggi scolpiti nella roccia.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Collodoro, 06-10-2010, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
«Su tempus tirannu carrata solu affannu» (p. 202). Il libro si apre e si chiude con miracoli cristiani intrisi di paganesimo (ma forse sono pagani intrisi di cristianesimo). E tra altri miracoli e sogni dello stesso stampo si snoda la vita reale di due generazioni (ma anche di molte di più) degli abitanti di Oropische. Nell'alternarsi, abituale in Niffoi, di idilli dei paesaggi e tragedie umane, di affetti materni e amori violenti e infelici, di assassini, infedeltà, ubriacature: «Maleittu custu munnu e chie l'ato imbentau!» (p. 43).
Il tema -paradossalmente attuale, in questo mondo arcaico di metà Novecento-, il tema del progetto di discarica, e della conseguente tragica contestazione, fornisce ritmo al racconto. E, come tutto il resto, «era cosa a due facce, come la moneta della vita che nasconde la morte» (p. 135). Eppure continua, la vita.
Lo scrivere di Niffoi è il solito, tanto barocco, immaginifico e sovrabbondante quanto elementari e primordiali sono gli oggetti dello scrivere.
Coi suoi sensi apocalittici e disperati, o lo si accetta o non lo si accetta, Niffoi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti