€ 33.25€ 35.00
    Risparmi: € 1.75 (5%)
Disponibile in 2/4 giorni lavorativi

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
La città come laboratorio. Indagini e sperimentazioni progettuali sulla riforma urbana di Bolzano

La città come laboratorio. Indagini e sperimentazioni progettuali sulla riforma urbana di Bolzano

di Alberto Maggiore, Stefano Rebecchi

  • Editore: Maggioli Editore
  • Collana: Politecnica
  • Edizione: 2
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2012
  • EAN: 9788838760266
  • ISBN: 8838760268
  • Pagine: 230
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Non sono molte le città nella cui forma sia ancora possibile riconoscere la permanenza fino ad oggi di un rapporto virtuoso tra comunità locale e insediamento, soprattutto tra quelle che non hanno rinunciato a crescere e a rinnovare le proprie strutture architettoniche e urbane. Una di queste è Bolzano, una città ben definita e compiuta nella morfologia delle sue parti ma allo stesso tempo sempre disponibile a rinnovare la "meccanica generale" delle sue relazioni interne. Un'attitudine alla trasformazione testimoniata dalla sua particolare vicenda storica, caratterizzata da repentini salti di scala, e confermata dalle sperimentazioni in campo urbanistico e ambientale che da qualche tempo ne fanno un laboratorio permanente, dove l'interazione tra amministratori intraprendenti e professionalità ben disposte a mettersi in gioco produce ricadute positive per la città e modelli di sviluppo da esportare. Partendo dall'esperienza didattica maturata nei laboratori di progettazione architettonica 1 e 2 al Politecnico di Milano questo libro assembla studi, documenti, riflessioni, indagini progettuali raccolti ed elaborati tra il 2002 e il 2008, con il contributo di autorevoli studiosi e critici della città, e si propone di offrire a chiunque intenda documentarsi e confrontarsi sui temi progettuali della Bolzano contemporanea uno strumento di indagine su una città anomala che, imparando dalla propria storia, ha fatto della sostenibilità il suo paradigma.