€ 38.00€ 40.00
    Risparmi: € 2.00 (5%)
Normalmente disponibile in 5/6 giorni lavorativi

Ne hai uno usato?
Vendilo!
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Il cinema dei telefoni bianchi

Il cinema dei telefoni bianchi

di Ennio Bìspuri

  • Editore: Bulzoni
  • Collana: Zootropio
  • Data di Pubblicazione: dicembre 2020
  • EAN: 9788868972127
  • ISBN: 8868972123
  • Pagine: 670
  • Formato: brossura

PromozionePromozione SCONTOMASSIMO
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

A tutt’oggi, a lato di una abbondante bibliografia concernente il cinema italiano durante il periodo fascista, non esiste una monografia specifica, che faccia stato di una corrente ricca di oltre duecento film, la cui importanza reale avrebbe dovuto meritare una attenzione diversa da parte di critici e storici per approfondire o almeno impedire che quei film fossero semplicemente condannati al silenzio o fossero considerati solo come i film del fascismo e pertanto, proprio per questo, da condannare in modo pregiudiziale al rogo. Dalle numerose interconnessioni tra film e film, tra film e rispettivi autori e tra film e collegamenti con altre cinematografie, in modo più vistoso con quella americana, ci troviamo di fronte a una fenomenologia centrata soprattutto sugli aspetti formali più rilevanti dell’espressione cinematografica, come la scenografia, i costumi, la musica e l’uso straripante della luce, che conduce l’autore al tentativo più generale di comprensione antropologica di quel mondo artificiale. Sono così poste in primo piano e analizzate in dettaglio la composizione della famiglia, la posizione della donna, il rapporto con l’autorità, il potere del denaro, la struttura di un capitalismo ancora elementare e provinciale, il senso dell’onore e della fedeltà, i rapporti di classe, la centralità della piccola borghesia, l’assenza di qualunque problematica religiosa, la rimozione totale della “morte” e della “malattia”, il superamento del ruralismo, la soppressione dei dialetti, la funzione del divismo, l’emergere di tendenze e tecnologie nuove come la pubblicità e la televisione albeggiante, oltre ai nuovi strumenti elaborati da un mercato in espansione e dalla embrionale comunicazione di massa. Attraverso questo libro rigoroso e documentato, entriamo, film dopo film, pagina dopo pagina, in un mondo affascinante e per certi versi sorprendente, a testimoniare di come fosse oggi necessario, nell’assenza di uno studio specifico, un approfondimento e un’analisi più attenta dei film catalogabili come telefoni bianchi, che consente di penetrare in profondità all’interno di un mondo reale, che quel tipo di cinema intendeva esplicitamente cancellare e trasformare in storie senza tempo e senza conflitti.


Ultimi prodotti visti