€ 15.30€ 18.00
    Risparmi: € 2.70 (15%)
Disponibilità immediata
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
In un chiaro, gelido mattino di gennaio all'inizio del ventunesimo secolo

In un chiaro, gelido mattino di gennaio all'inizio del ventunesimo secolo

di Roland Schimmelpfennig


Disponibilità immediata
  • Editore: Fazi
  • Collana: Le strade
  • Traduttore: Jorio S.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2019
  • EAN: 9788893252027
  • ISBN: 8893252023
  • Pagine: 230
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

In un chiaro, gelido mattino di gennaio all’inizio del ventunesimo secolo un lupo attraversa il confine polacco-tedesco e si dirige verso Berlino. Un manovale polacco bloccato in autostrada a causa di un incidente lo vede e lo fotografa. La sua compagna fa pubblicare la foto. Negli stessi giorni due adolescenti scappano di casa e dalla provincia brandeburghese si mettono in viaggio per raggiungere la capitale, dove sperano di rintracciare un amico; un padre alcolista esce dalla clinica e si mette sulle tracce dei due ragazzi; una madre depressa torna nei luoghi della sua radiosa gioventu`; un losco cileno proprietario di un locale tinteggiato di nero ospita i due ragazzini. E mentre la citta`, coperta di neve, s’impregna di un misto di paura e attrazione verso il lupo e crede di avvistarlo in ogni angolo, l’animale si nasconde, si sottrae, per poi apparire dove nessuno se lo aspetta. Una silenziosa parabola del cercare, del morire, del bere, del perdersi e del ritrovarsi segna il debutto narrativo del drammaturgo tedesco piu` tradotto al mondo. In un chiaro, gelido mattino di gennaio all’inizio del ventunesimo secolo e` una fiaba metropolitana ambientata sul palcoscenico minimalista della Berlino dei nostri giorni: Schimmelpfennig posiziona i riflettori in modo da illuminare di volta in volta un solo angolo della scena, mostrandoci personaggi incapaci di uscire dalla solitudine del loro cono di luce; sullo sfondo, i fantasmi della DDR incontrano i mostri della gentrificazione. «Una geniale favola dai molti risvolti». «Financial Times» «Un romanzo potente, straordinariamente impetuoso e contemporaneo – una narrazione ad anelli avvincente e perturbante». «Der Spiegel» «Schimmelpfennig connette il quotidiano con il mitico, e lo fa con una leggerezza che e` tedesca quanto Garci?a Ma?rquez in un giorno di sole». «The Village Voice» «Un libro commovente, che cattura in modo delicato ed esperto un’atmosfera predominante nella societa`: quella del disorientamento, della desolazione, dei sentimenti inespressi». «Deutschlandradio Kultur»