€ 8.55€ 9.00
    Risparmi: € 0.45 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come

La cerimonia del massaggio

di Alan Bennett

  • Editore: Adelphi
  • Collana: Piccola biblioteca Adelphi
  • Edizione: 11
  • Traduttori: Arborio Mella G., Rossari M.
  • Data di Pubblicazione: aprile 2002
  • EAN: 9788845916830
  • ISBN: 8845916839
  • Pagine: 95
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

Si sa che non c'è nulla di più mondano quanto un buon funerale. E ancor più se si tratta di commemorare un estinto che, letteralmente, ha avuto per le mani la "crème de la crème", ambosessi, di Londra. E allora l'evento può diventare, oltreché mondano, atrocemente intimo. E rischiare da un momento all'altro di sgangherarsi, se il suo programma prevede un preoccupante assolo di sax. E se uno dei convenuti si alza in piedi per tessere un panegirico dell'anatomia del trapassato.

I libri più venduti di Alan Bennett

Vedi tutti

Voto medio del prodotto:  3 (3.3 di 5 su 3 recensioni)

4Questo autore è feroce, 30-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Ogni funerale è materiale di conferenze per sociologi. Ma se il morto è il massaggiatore gigolò bisessuale preferito dalle persone celebri, osservare cosa si muove alla sua cerimonia si trasforma qualcosa di più, specialmente se si diffonde tra i banchi il sospetto che il morto sia scomparso per conseguenze da aids. Persino il prete, che il morto lo conosceva in senso profondo, è posto sotto l'occhio crudele di Bennett, che come suo solito non risparmia nulla a nessuno.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4La cerimonia del massaggio, 26-09-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Ma quanto i meccanismi narrativi sono maneggiati con esperienza e sagacia, tanto la qualità dello spaccato umano messo in scena non supera l'uso dei cliché di facile rappresentazione.
Il largo successo ottenuto anche presso il pubblico nostrano attesta l'efficacia della formula. Tuttavia il mestiere si sente un po' troppo, l'originalità è sacrificata in nome della trovata più scontata e insomma un pizzico di delusione resta alla fine della cerimonia cui si è partecipato - la lettura.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
2Banale, 26-08-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi piace Bennett e l'umorismo inglese. Questo libro però è stato deludente perché non ho trovato nessuna incisività, né su AIDS né su omosessualità o su convenzioni sociali. 95 pagine che si leggono piacevolmente, ma che non mi hanno lasciato il segno. Peccato i temi erano buoni...
Ritieni utile questa recensione? SI NO