€ 10.92€ 11.50
    Risparmi: € 0.58 (5%)
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
Camminare correre volare

Camminare correre volare

di Sabrina Rondinelli

  • Editore: EL
  • Collana: Narrativa
  • Edizione: 1
  • Data di Pubblicazione: novembre 2008
  • EAN: 9788847723528
  • ISBN: 8847723523
  • Pagine: 155
  • Formato: brossura
  • Età consigliata: 14 anni
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

Asja ha quattordici anni, l'aria spavalda e gli occhi inquieti. Vive in un quartiere popolare con una madre sempre depressa e va male a scuola. Ruba nei negozi e chatta con ragazzi più grandi. Esce di nascosto e si accanisce contro la sua compagna di classe Maria, troppo remissiva, troppo studiosa, troppo per bene. Asja è una ragazza difficile, cammina con fatica e non si separa mai dalle amiche del cuore. Poi un giorno si mette nei guai e tutto cambia. Inizia così una corsa alta ricerca della vera se stessa. Un romanzo sul bullismo al femminile raccontato dal punto di vista della "ragazza cattiva". Sul significato dell'amicizia, della luce che accende dentro il primo amore e del valore del perdono.


Voto medio del prodotto:  3.5 (3.7 di 5 su 3 recensioni)

2Camminare correre volare, 22-01-2011, ritenuta utile da 9 utenti su 18
di - leggi tutte le sue recensioni
Camminare correre volare è un libro apparentemente interessante, invece non lo è affatto... Si tratta della storia di Asia: una ragazza quindicenne la quale va a letto tardi, non studia, fuma... E Maria: una ragazza seria, facile da sottomettere e brava a scuola. Asia non è per niente brava a scuola mentre Maria è la secchiona della classe. A causa della sua costante paura, Maria continua per la maggior parte del racconto a svolgere gli esercizi ad Asia, la quale la prende in giro, la umilia, la picchia e tutte le cose peggiori che una ragazza di quindici anni può farle. Un giorno d'inverno, usciti da scuola, le ruba il suo cappellino di lana, fatto da sua madre, e Maria cade e si rompe una gamba. Asia viene, per questo motivo, sospesa da scuola. Appena Maria toglie il gesso, è il momento della molto attesa gita prima degli esami. Da quando Maria si è rotta una gamba non ha più subito inguistizie da Asia, però non le va l'idea di dover stare con lei in camera in gita... La prima sera tutti i ragazzi escono per andare in discoteca... Asia regala un bel vestito a Maria. Arrivato il giorno degli esami, Maria sa tutto, mentre Asia niente. A poche decine di minuti dal termine del tempo a disposizione, Maria, senza che Asia glielo chieda, le passa un bigliettino con le soluzioni della verifica finale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Una storia di "bullismo" al femminile, 21-10-2010, ritenuta utile da 6 utenti su 11
di - leggi tutte le sue recensioni
Mi sono avvicinata a questa storia in punta di piedi, convinta di trovarvi il pessimismo tipico italiano (vedi "La solitudine dei numeri primi"...) ed ho dovuto ricredermi: pagina dopo pagina questo piccolo libro mi ha conquistata scavando dentro di me ed entrandomi nel cuore. Scorrevole, diretto, mi ha fatto immedesimare sia nel buono che nel cattivo (soprattutto nella parte della cattiva ;-) grande e rara qualità in un autore); ho tifato per entrambe le eroine ed è stata una gioia leggere questo finale positivo che lascia un messaggio di speranza. Non banale, non scontato: sofferto. Se si vuole la felicità, basta cercarla, desiderarla, acciuffarla correndo o, se necessario, anche volando! Consiglio questo libro a tutti, specialmente agli adolescenti. I miei complimenti alla bravissima autrice, in attesa di un suo secondo libro!
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Titolo perfetto, 28-08-2010, ritenuta utile da 6 utenti su 10
di - leggi tutte le sue recensioni
Un bel romanzo per ragazzi; lo vedo particolarmente adatto a loro perchè è breve, tratta un tema quantomai tristemente in voga negli ultimi anni e perchè non scava troppo in profondità, si mantiene in costante bilico tra la narrazione pura (ovvero la storia che va avanti, con un bel ritmo) e tra la riflessione, che in gran parte è lasciata al lettore.
Il titolo, apparentemente senza senso, in realtà si colloca perfettamente nel romanzo.
Uno di quei romanzi che dovrebbero leggere molte persone che invece non lo leggeranno mai.
Ritieni utile questa recensione? SI NO