€ 9.50€ 10.00
    Risparmi: € 0.50 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
La caduta dell'aquila. Imperator vol.4

La caduta dell'aquila. Imperator vol.4

di Conn Iggulden

  • Editore: Piemme
  • Collana: Piemme pocket
  • Traduttore: Lonza G.
  • Data di Pubblicazione: giugno 2018
  • EAN: 9788856665871
  • ISBN: 8856665875
  • Pagine: 426
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

Per alcuni Cesare è il nome di un traditore della patria, per altri quello di un eroe. Un destino stranamente ambiguo per un uomo che non è abituato a esitare. Che ha attraversato il Rubicone e ha marciato verso Roma in armi, sfidando la legge e suscitando l'ira di Pompeo e del Senato. Ora i suoi avversari non sono più barbari da sottomettere nel nome della Repubblica, questa volta è contro la sua gente che dovrà combattere, in una guerra civile che lo porterà di nuovo lontano dalla città eterna. In campi di battaglia che, ancor prima del suo arrivo, già risuonano della sua fama, tra la Grecia, l'Asia e l'Egitto della splendida Cleopatra, si ammanterà di nuove vittorie. Ancora una volta si leveranno le armi, cadranno i suoi avversari, ripiegheranno infine gli eserciti nemici, decretando un solo vincitore. Saranno anni intensi e dolorosi, e solo al termine di lunghe peregrinazioni Cesare potrà tornare a Roma in trionfo, e qui gettare le basi di quello che diverrà il più grande impero di tutti i tempi. Ma quanto più in alto vola l'aquila, tanto più rovinosa è la sua caduta, quando la storia ha deciso un epilogo che sembra non rendere giustizia.


Voto medio del prodotto:  4 (4 di 5 su 1 recensione)

4La caduta dell'aquila, 05-04-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Una storia sconvolgente, come non se ne leggevano da tempo. Un piacevole romanzo storico che fa rivivere talune reminiscenze scolastiche. Dal passaggio del Rubicone in armi, all'inseguimento di Pompeo, ai fasti dell'Egitto di Cleopatra fino al tragico epilogo a tutti noto delle idi di Marzo e del "tu quoque".
Non sento di dover muovere alcuna critica, specie perché in conclusione l'autore ha la "correttezza" di ammettere cos'è storico e cos'è invenzione letteraria.
Ritieni utile questa recensione? SI NO