€ 23.75€ 25.00
    Risparmi: € 1.25 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibilità immediata
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
La Biennale di Venezia. 77ª Mostra internazionale d'arte cinematografica. Ediz. italiana e inglese

La Biennale di Venezia. 77ª Mostra internazionale d'arte cinematografica. Ediz. italiana e inglese

di Fondazione la Biennale di Venezia (a cura di)


  • Editore: La Biennale di Venezia
  • A cura di: Fondazione la Biennale di Venezia
  • Data di Pubblicazione: settembre 2020
  • EAN: 9788898727476
  • ISBN: 889872747X
  • Pagine: 304
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Il catalogo, in formato 27 x 21 cm, presenta i film della 77. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica. Per ogni opera, oltre alle caratteristiche tecniche, sono riportate la sinossi, il commento del regista e la biografia, sia in lingua italiana che inglese. Sono presenti un ritratto del regista e alcuni fotogrammi, in bianco e nero o a colori, tratti dai film. La struttura del catalogo segue la suddivisione in sezioni della Mostra: Venezia 77, Fuori Concorso e Orizzonti. Presenti in catalogo le produzioni della Biennale College Cinema e la sezione Venice VR Expanded. Introduzioni a firma del Presidente della Biennale di Venezia Roberto Cicutto e del Direttore Alberto Barbera aprono il volume. Il catalogo è edito da La Biennale di Venezia e il progetto grafico è a cura di Designwork, Udine. "Il programma della Mostra di quest'anno, per dirla con Bob Dylan, contiene moltitudini: di film, di generi, di prospettive. I film invitati sono un numero consistente e solo di poco inferiore alle tradizionali proposte veneziane. Segno che il cinema non è stato travolto dallo tsunami della pandemia, ma conserva una vitalità invidiabile. Come di consueto, la selezione offre poi una variegata alternanza di approcci diversi, nella consapevolezza che la Mostra non possa esimersi dal rappresentare la ricchezza e la varietà del cinema. Che non è un unicum, come talvolta si tende a credere, ma una molteplicità di esperienze estetiche e visive da non far rimpiangere la ricchezza di forme che le altre arti hanno da sempre praticato e valorizzato." (Alberto Barbera)