€ 8.60
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La baracca dei tristi piaceri

La baracca dei tristi piaceri

di Helga Schneider


  • Editore: TEA
  • Collana: Teadue
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2012
  • EAN: 9788850227273
  • ISBN: 8850227272
  • Pagine: 205
  • Formato: brossura
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

"Stava lì, l'aguzzina delle SS, capelli biondi e curati, il rossetto sulla bocca dura, l'uniforme impeccabile... Stava lì e pronunciò con sordida cattiveria: "Ho letto sulla tua scheda che eri la puttana di un ebreo. È meglio che ti rassegni: d'ora in poi farai la puttana per cani e porci". Così racconta l'anziana Frau Kiesel all'ambiziosa scrittrice Sveva, dando voce a un dramma lungamente taciuto: quello delle prigioniere dei lager nazisti selezionate per i bordelli costruiti all'interno stesso dei campi di concentramento, con l'ipocrita e falsa giustificazione di voler limitare l'omosessualità tra i deportati. Donne i cui corpi venivano esposti ai sadici abusi delle SS e dei prigionieri maschi - spesso veri e propri relitti umani che malgrado tutto preferivano rinunciare a un pezzo di pane per scambiarlo con pochi minuti di sesso. Donne che alla fine della guerra, schiacciate dall'umiliazione e dalla solitudine, invece di denunciare quella tragedia fecero di tutto per nasconderla e seppellirla dentro di sé. In questo capitolo della memoria storica personale e collettiva, Helga Schneider continua, con lucidità e compassione, ma anche con implacabile giudizio, a dare testimonianza di ciò che è accaduto perché non si ripeta mai più.

I libri più venduti di Helga Schneider

Tutti i libri di Helga Schneider

Voto medio del prodotto:  4 (4.2 di 5 su 9 recensioni)

3La baracca dei tristi piaceri, 24-07-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Romanzo ambientato ai tempi del terzo reich, una testimoninza atroce e crudele. Questo la dice lunga su quanto abbiano più avuto vergogna del Male le vittime dei carnefici. Tanta vergogna da rimuovere fette e fette di vita o, piuttosto, di non-vita. Ne consiglio assolutamente la lettura per prendere coscienza anche di un altro, crudelissimo, aspetto di ciò che è stato, però, da un punto di vista strettamente narrativo non aspettatevi granché. E questo è un peccato, se solo la Schneider ci si fosse applicata di più avrebbe potuto uscirne fuori un'opera pregevole proprio grazie allo spessore dei contenuti.
Tre stelline a malincuore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4La baracca dei tristi piaceri, 17-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
E' una storia triste, forse la più triste che io abbia mai letto. Credo che l'autrice sia riuscita a riportare questo tabù storico in modo eccellente, inserendo il racconto di una soppravvissuta in una cornice moderna, senza cadere nel racconto biografico. Ho apprezzato soprattutto il fatto che non si sia soffermata sulla "perversione" della storia ma che abbia parlato degli effetti che la vicenda ha avuto sulla protagonista e come abbia influito sulle sue scelte e sulla sua vita matrimoniale. Una sola critica, e va per la storiella di Marco: forse l'autrice intendeva fare un parallelo con la storia Adolf... Ma non è riuscito, e il finale in questo senso resta una mezza delusione.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Toccante e sconvolgente, 14-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Bisogna essere preparati a quello che si leggerà in questo libro che narra la toccante e straziante storia di una giovane che si prostituisce in un campo di concentramento nazista. Davvero duro e crudo per la tematica che tocca, ma una lettura vivamente consigliata per scoprire un altro aspetto della storia che spesso non si conosce
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Contenuto ok, contenitore bocciato, 23-03-2011, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Il tema trattato è uno di quelli che apre una nuova ferita legata al Nazismo e ai campi di concentramento in generale.
La pratica di ridurre a prostitute donne qui internate è un qualcosa che va a svilire ancora di più la femminilità e la dignità delle donne.
Nel caso della protagonista la questione è ancora più amata visto che lei, ariana, è stata deportata in un campo per aver avuto relazioni con un ebreo, il che sta a significare (cosa che la Schneider fa spesso nei suoi libri) che anche i tedeschi hanno avuto dalla guerra e dai nazisti i loro grandi problemi.

Quindi vada per l'argomento, ma sullo stile (sul genere intervista fatta da una scrittrice alla testimone di questa vicenda) avrei da dire. Avrei gradito che non ci fossero sti fronzoli da romanzo, assolutamente inutili, ma si facesse un qualcosa di più asciutto, stile reportage.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Da leggere, 19-02-2011, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Un romanzo che dovremmo leggere tutti, per non dimenticare, per scoprire a cosa può arrivare la crudeltà "umana".
Per usare le parole della scrittrice "una testimonianza di come il senso dell'umano era stato violato durante il regime di Hitler; di come il valore assoluto della vita e della dignità dell'individuo era stato brutalmente calpestato dai nazisti".
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La baracca dei tristi piaceri (9)