€ 11.50
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro sarà disponibile:
 
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
La bambina che salvava i libri

La bambina che salvava i libri

di Markus Zusak


  • Editore: Sperling & Kupfer
  • Collana: Super bestseller
  • Illustratore: White T.
  • Traduttore: Giughese G. M.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2013
  • EAN: 9788860613714
  • ISBN: 886061371X
  • Pagine: 563
  • Formato: brossura
Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Fu a nove anni che Liesel iniziò la sua brillante carriera di ladra. Certo, aveva fame e rubava mele, ma quello a cui teneva veramente erano i libri, e più che rubarli li salvava. Il primo fu quello caduto nella neve accanto alla tomba dove era stato appena seppellito il suo fratellino. Stavano andando a Molching, vicino a Monaco, dove li aspettavano i loro genitori adottivi. Il secondo, invece, lo sottrasse al fuoco di uno dei tanti roghi accesi dai nazisti. A loro piaceva bruciare tutto: case, negozi, sinagoghe, persone... Piano piano, con il tempo ne raccolse una quindicina, e quando affidò la propria storia alla carta si domandò quando esattamente la parola scritta avesse incominciato a significare non solamente qualcosa, ma tutto. Accadde forse quando vide per la prima volta la libreria della moglie del sindaco, un'intera stanza ricolma di volumi? Quando arrivò nella sua via Max Vandenburg, ex pugile ma ancora lottatore, portandosi dietro il "Mein Kampf" e infinite sofferenze? Quando iniziò a leggere per gli altri nei rifugi antiaerei? Quando s'infilò in una colonna di ebrei in marcia verso Dachau? Ma forse queste erano domande oziose, e ciò che realmente importava era la catena di pagine che univa tante persone etichettate come ebree, sovversive o ariane, e invece erano solo poveri esseri legati da spettri, silenzi e segreti.

Tutti i libri di Markus Zusak

Voto medio del prodotto:  4.5 (4.5 di 5 su 16 recensioni)

4La bambina che salvava i libri, 21-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro che mi sento di consigliare perchè personalmente l'ho trovato molto bello. La storia inizia apparentemente in modo tranquillo, poi man mano che si sviluppa prende una piega sempre più tragica. Dubito che si possa rimanere indifferenti a questa lettura. Ciliegina sulla torta è il modo di scrivere quasi fiabesco dell'autore.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4Forte, poetico, 08-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
La vicenda è molto bella e commovente, ma lo stile dell'autrice lascia a desiderare. Forzato, artificioso, con paralogismi e similitudini consunte. E che fastidio l'anticipare il titolo di brani e paragrafi. Impossibile però dimenticare Liesel, Rosa, Rudy, Max ma soprattutto gli occhi spietati di Hans Huberman. Piccola nota ai traduttori: il fine di Lisiel non era salvare i libri, ma semplicemente tenerseli per sè. Il titolo originale, infatti, è The Book Thief.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Consigliato, 05-05-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Bello questo romanzo in cui si affrontano gli argomenti certamente non nuovi del nazismo e della persecuzione degli ebrei dall'interno, attraverso gli occhi di Liesel, un'adolescente tedesca che ama tanto i libri da confondere il rubarli con il salvarli (ed effettivamente i suoi furti ne causeranno il salvataggio dal rogo) . Bella anche la scelta di far raccontare le vicende ad un narratore fuori del comune, la Morte.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Stupefacente, 21-04-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un libro dalla scrittura potente ambientato nella Germania nazista.
La capacità di Zusak (autore di narrativa per bambini al suo primo romanzo) di descrivere il nazismo visto da chi si trova -suo malgrado- a far parte del popolo di Heil Hitler è formidabile, così come è formidabile l'indimenticabile personaggio della "ladra di libri". Con un una narratrice d'eccezione (la morte) , il libro ci racconta la storia di Liesel Meminger, anche conosciuta come ladra di libri o scuotitrice di parole, di Hans e Rosa Hubermann, suoi genitori adottivi, di Max Vandenburg, ebreo, e di tanti altri personaggi...
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5La bambina che salvava i libri, 21-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Una voce narrante d'eccezione, ossia nientemeno che la Morte, una Morte che guarda con interesse e curiosità agli esseri umani e ai loro sentimenti e che svolge il suo "lavoro". La storia si pone dal punto di vista dei tedeschi non nazisti, quindi tratta il problema delle persone sensibili, semplici eppure di così vasti sentimenti, che si sono trovate in difficoltà perché il loro cuore non permetteva loro di seguire il sistema imposto, e denigrare la vita. Libro imperdibile
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su La bambina che salvava i libri (16)


Prodotti correlati