€ 9.50€ 10.00
    Risparmi: € 0.50 (5%)
Normalmente disponibile in 3/4 giorni lavorativi

Disponibile in altre edizioni:

L' avaro
L' avaro(2020)
€ 10.45 € 11.00
Disponibilità immediata
L' avaro
L' avaro(2015 - rilegato)
€ 5.45 € 10.90
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
L' avaro

L' avaro

di Molière

  • Editore: Einaudi
  • Collana: Collezione di teatro
  • Edizione: 1
  • A cura di: C. Garboli
  • Data di Pubblicazione: marzo 2004
  • EAN: 9788806169381
  • ISBN: 8806169386
  • Pagine: X-76
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Descrizione del libro

Come "Tartuffe" e "Femmes savantes" - sostiene Cesare Garboli nella sua prefazione - anche "L'Avaro" è uno spaccato familiare e sociale. Arpagone è un capofamiglia balordo, taccagno e tirannico come tanti altri, circondato da un amabile e canagliesco intrigo di servi e di innamorati. Poi Arpagone viene derubato e l'avarizia cessa di essere un tic, una deformità, uno spunto di situazioni farsesche. La diagnosi investe la psicologia di chi ha subíto un furto, di chi è stato defraudato di un oggetto di passione affettiva ed esclusiva, della sua unica ragione di vita. Proprio la fissazione affettiva di Arpagone su un oggetto miserabile sollecita un'equivoca, ma profonda partecipazione emotiva: l'avarizia redime l'avaro.


Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su L' avaro e condividi la tua opinione con altri utenti.

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 2 recensioni)

5L' avaro, 05-11-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Secondo me per il teatro francese il più importante autore di testi è sicuramente Molière. Ironico e pungente critica ciò che lo circonda sempre in modo intelligente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5quante risate!, 08-07-2010
di - leggi tutte le sue recensioni
Ridere, ridere, ridere. Poveri Cleante e Elisa ad avere un padre come Arpagone. Fossi stato un membro di quella famiglia sarei certamente fuggito in cerca di una vita migliore, ma è vero anche che godersi le paranoie e le frustrazioni del più grande spilorcio che esista è un buon motivo per restare.
Curiosissimo di vedere il film con Alberto Sordi.
Ritieni utile questa recensione? SI NO