€ 12.75€ 15.00
    Risparmi: € 2.25 (15%)
Disponibilità immediata solo 1 pz.
Ordina entro 31 ore e 38 minuti e scegli spedizione espressa per riceverlo martedì 26 marzo Scopri come

Disponibile in altre edizioni:

Auto da fé
€ 24.00 € 22.56
Normalmente disponibile in 4/5 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Auto da fé

Auto da fé

di Elias Canetti


Disponibilità immediata solo 1 pz.
  • Editore: Adelphi
  • Collana: Gli Adelphi
  • Edizione: 6
  • Traduttori: Zagari L., Zagari B.
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2001
  • EAN: 9788845916540
  • ISBN: 8845916545
  • Pagine: 548

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Da una parte un grande studioso, Kien, che disprezza i professori, ritiene superflui i contatti con il mondo e ama in fondo una cosa sola: i libri. Dall'altra la sua governante, Therese, che raccoglie in sé le più raffinate essenze della meschinità umana. Il romanzo racconta l'incrociarsi di queste due remote traiettorie e ciò che ne consegue: la minuziosa, feroce vendetta della vita su Kien, che aveva voluto eluderla con la stessa accuratezza con cui analizzava un testo antico.

Tutti i libri di Elias Canetti

Acquistali insieme

Gli utenti che comprano Auto da fé acquistano anche La Siberia allo specchio. Storie di viaggio, rifrazioni letterarie, incontri tra civiltà e culture di A. Mingati (a cura di) € 12.00
Auto da fé
aggiungi
La Siberia allo specchio. Storie di viaggio, rifrazioni letterarie, incontri tra civiltà e culture
aggiungi
€ 24.75

Recensioni degli utenti

Scrivi una nuova recensione su Auto da fé e condividi la tua opinione con altri utenti.


Voto medio del prodotto:  4 (4.1 di 5 su 7 recensioni)

5Il professor Kien, 10-05-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Sono bastate le primissime pagine per farmi innamorare perdutamente di questo libro. Davvero bizzarri sono il protagonista Kien, uno studioso che fa il vuoto intorno a sè e si dedica esclusivamente ai suoi amati libri e la sua governante Therese, quintessenza della meschinità. Sull'incontro tra questi due mondi opposti si incentra principalmente il libro. La scrittura è perfetta e non faccio altro che chidermi perchè questo libro sia così poco conosciuto.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Con quali parole si descrive un capolavoro?, 24-03-2012
di - leggi tutte le sue recensioni
Un atmosfera cupa e disperata, claustrofobica, e pure sempre avvincente. La parabola discendente del Professor Kien ci spinge ad uscire dalla sedia ed entrare nel libro per gridargli che no, non è possibile, per evitare il disastro incombente (c'entra nienet la cupa Europa in cui questo libro viene scritto? ) . La fredda calcolatrice Therese è uno specchio doloroso di mille umanità rattrapite. Un gorgo. Avvolgente.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
4I libri che passione!, 21-07-2011, ritenuta utile da 2 utenti su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
L'ossessione amorosa per la lettura è il filo conduttore di quest'opera del 1935, che narra di Peter, proprietario di una sconfinata biblioteca e parossisticamente preoccupato che tutti i suoi libri vengano mai distrutti. Sposa Therese e le affida il suo tesoro più prezioso: la sua biblioteca.
Ma l'incubo è a un passo, Therese lo escluderà addirittura dalla sua creatura impolverata. Dove troverà rifugio il povero Peter?
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Auto da fé , 09-07-2011
di - leggi tutte le sue recensioni
Sul filone mitteleuropeo, quello dell'uomo senza qualità, cui deve moltissimo. Protagonisti della storia sono estremizzati: si va dal sinologo Kien che vive solo per i libri e per ciò che essi contengono, alla governante Therese, zittella per antonomasia, ottusa, che ha come una sorta di incomunicabilità congenita con il sinologo, al nano scacchista Fischerle, che vive di espedienti e di raggiri, il cui sogno è quello di diventare campione del mondo e di potersene andare in America. La storia si gioca tutta su equivoci ed incomprensioni; non conta tanto la realtà ma la percezione che uno ha della realtà, ecco che allora diventano possibili fatti altrimenti irreali: il responsabile del settore libri del Theresianum che si ciba di libri, Kien che crede di aver ucciso Therese pur trovandosela davanti viva e vegeta, Fischerle che già si vede campione del mondo di scacchi a consolare Capabianca, il portiere Benedikt uomo-bestia, misogino, violento e violentatore, ecc... Significativa del contenuto del libro è la divisione in tre parti intitolate: Una Testa Senza Mondo, Un Mondo Senza Testa, Il Mondo Nella Testa. Personalmente ho trovato questo libro geniale. Sicuramente uno dei più bei libri che abbia mai letto. Non capisco i tanti commenti negativi. E' chiaro, non è un libro semplice, ma non credo che ci si possa avvicinare a questo libro pensando di leggere un romanzo alla Dan Brown. Riconosco anche che è difficile farsi coinvolgere emotivamente da questi personaggi così particolari. Direi quindi che si tratta sicuramente di un libro fortemente cerebrale, in cui il sentimento ha poco posto. Ma non sono sicuramente del parere che questo sia un difetto. Trovo poi del tutto ingiusta ed ingiustificata la recensione di Monsa: se uno non riesce a capire od a trovare un senso in quello che legge (se di alto livello), spesso il limite sta nel lettore. Assolutamente da leggere.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
3Auto da fé, 02-11-2010, ritenuta utile da 1 utente su 3
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho iniziato questo romanzo subito dopo la morte dell'autore. Le prime frasi mi avevano preso e quindi ho continuato. Devo dire che la prima parte mi è piaciuta, poi le parole hanno incominciato ad avvitarsi su se stesse e mi sono un po' perso d'animo. Mi sono imposto di finirlo e ce l'ho fatta. Ma che fatica.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Leggi anche le altre recensioni su Auto da fé (7)


Prodotti correlati

Ultimi prodotti visti