€ 17.00€ 20.00
    Risparmi: € 3.00 (15%)
Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Atlante occidentale. Con il Taccuino di Ginevra

Atlante occidentale. Con il Taccuino di Ginevra

di Daniele Del Giudice


Normalmente disponibile in 1/2 giorni lavorativi
  • Editore: Einaudi
  • Collana: Letture Einaudi
  • A cura di: E. Rammairone, C. Rovelli
  • Data di Pubblicazione: febbraio 2019
  • EAN: 9788806240486
  • ISBN: 880624048X
  • Pagine: 230

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Trama del libro

Un romanzo, uscito a metà degli anni Ottanta, che fece epoca misurandosi con le scoperte della fisica e anticipando alcune mutazioni radicali del nostro tempo. È qui riproposto in questa nuova edizione, arricchita dal diario inedito che Del Giudice scrisse durante i giorni del sopralluogo al Cern di Ginevra. La prefazione è di un famoso fisico italiano che al Cern ha lavorato per molti anni e che, oltre ad amare il romanzo di Del Giudice, nelle pagine del diario ginevrino ha riconosciuto colleghi, situazioni e atmosfere a lui ben note.
Eccolo qua il romanzo dell'incontro fra i due esploratori: lo scrittore che scandaglia gli angoli più intimi e nascosti dell'animo umano e lo scienziato che indaga i componenti più minuti della materia. Due mondi apparentemente distanti che nascondono in realtà insospettabili analogie. A prima vista il mondo di Pietro Brahe è quanto di più solido e materiale si possa immaginare: acceleratori e apparati grandi come case, magneti, rivelatori, cavi e circuiti elettronici. Ma basta scavare appena al di sotto di questa superficie per scoprire che le strutture più nascoste e recondite della materia sono elusive, hanno forme cangianti, talvolta inafferrabili. Non così dissimili quindi dalle impalpabili mutevolezze che rendono imprevedibile il comportamento intimo dei protagonisti dei romanzi di Ira Epstein. Fino al punto che i due punti di vista quasi si rovesciano: «lui vedeva cose di cui non c'era immagine» pensava di sé Pietro Brahe, mentre lo scrittore argomentava: «Nel mio (lavoro), come le ho già spiegato, si vede parecchio. Si vede così tanto che resta ben poco da immaginare». Il regno della concretezza e della realtà materiale che si rovescia, come in uno specchio, in quello dell'immaginazione e della finzione letteraria. Dalla prefazione di Guido Tonelli

I libri più venduti di Daniele Del Giudice

Tutti i libri di Daniele Del Giudice


Prodotti correlati

Ultimi prodotti visti