€ 17.10€ 18.00
    Risparmi: € 0.90 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
L' arte della finzione

L' arte della finzione

di Gonzalo Alvarez García

  • Editore: Pungitopo
  • Collana: Delta
  • Data di Pubblicazione: 2019
  • EAN: 9788899852634
  • ISBN: 8899852634
  • Pagine: 120
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Trama del libro

"Fingere è dare a vedere il contrario di ciò che si ha in cuore. Non affermare il falso, ma nascondere il vero. Si finge per il piacere di trarre l'altro in inganno, ma anche per salvare la vita o le idee. Si può morire per un'idea. Nel Seicento gli Inquisitori erano i guardiani delle idee. Il libero pensatore che si discostava dal pensiero ufficiale, doveva scegliere tra il rinnegare o morire. O ricorrere alla finzione. [...]. Il protagonista dell'Arte della Finzione, Domenico, pittore di Toledo, era cresciuto a Creta, nelle vicinanze di Cnosso, tra favole antiche e miti gloriosi. Prima di giungere a Toledo, aveva soggiornato a Venezia e a Roma, cibandosi di Arte, di libertà e di delizie. La Toledo del Seicento era una città incantata e terribile. Vicino all'Alcazar c'era il palazzo del Grande Inquisitore, da dove venivano diramate per tutto l'Impero le severissime norme tridentine che regolavano persino il battito dei cuori. Le guardie inquisitoriali passeggiavano giorno e notte per le strade del quartiere moresco di Zocodover, intimorendo le bancarelle dei venditori. Al loro apparire i mercanti ebrei si facevano il segno della croce e recitavano devotamente l'Ave Maria. Domenico dovette giostrare con la temibile fede castigliana. Aveva il cuore pieno di amore, di forme spasmodiche, di colori sublimi e di idee pericolose. Per fugare i sospetti di eresia e difendere l'Arte si finse strabico. Per salvare l'amore riempì le chiese con i ritratti dell'amante Jerònima, vestita da Madonna, costringendo i toledani ad inginocchiarsi ai suoi piedi. [...]" (dalla Prefazione)