€ 30.00€ 60.00
    Risparmi: € 30.00 (50%)
Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€Scopri come
Arte contro. Ricerche dell'arte russa dal 1950 a oggi. Opere dal Fondo Sandretti del '900 russo. Catalogo della Mostra (Rovereto, 13 ottobre 2007-20 gennaio 2008)

Arte contro. Ricerche dell'arte russa dal 1950 a oggi. Opere dal Fondo Sandretti del '900 russo. Catalogo della Mostra (Rovereto, 13 ottobre 2007-20 gennaio 2008)

di G. Belli, A. Obuchova (a cura di)


Normalmente disponibile in 2/3 giorni lavorativi
  • Editore: Skira
  • Collana: Arte moderna. Cataloghi
  • A cura di: G. Belli, A. Obuchova
  • Data di Pubblicazione: ottobre 2007
  • EAN: 9788861304925
  • ISBN: 8861304923
  • Pagine: 352
  • Formato: brossura

 Questo prodotto appartiene alla promozione  Remainders -50%

Descrizione del libro

Il volume presenta uno spaccato davvero rappresentativo della produzione artistica russa di quel quarantennio che va dalla fine della Seconda Guerra mondiale alla caduta dell'Urss e illustra il mondo della ricerca artistica contemporanea russa. Il filo rosso è costituito dalle scelte e dalle passioni di Alberto Sandretti, che ha riunito un organico insieme di dipinti e sculture capaci di rappresentare la situazione dell'arte sovietica "underground", di quell'arte che aveva intrapreso una battaglia silenziosa, ma non per questo meno efficace, contro i divieti soffocanti del regime e contro quell'isolamento culturale voluto dalle alte gerarchie dello Stato che, se non fosse stato trasgredito con rischi enormi, avrebbe portato al totale annientamento della creatività delle giovani generazioni. L'esposizione offre quindi l'opportunità di approfondire la conoscenza di artisti che, come testimoni della volontà di sperimentazione e di rinnovamento della cultura, hanno portato avanti la loro ricerca nel silenzio, nella scarsità dei mezzi, nella mancanza di un flusso coerente di informazioni, sullo sfondo di un universo ufficiale riconosciuto dalle istituzioni come unica via dell'espressione artistica. La mostra ricostruisce anche esistenze segnate dall'esperienza della deportazione, dalla persecuzione e dal silenzio obbligato.


Ultimi prodotti visti