€ 12.75€ 15.00
    Risparmi: € 2.25 (15%)
Disponibilità immediata
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Arricchirsi con onore. Elogio del buon imprenditore

Arricchirsi con onore. Elogio del buon imprenditore

di Benedetto Cotrugli


Disponibilità immediata
  • Editore: Rizzoli
  • Collana: Saggi italiani
  • A cura di: A. Wagner
  • Data di Pubblicazione: maggio 2018
  • EAN: 9788817103404
  • ISBN: 8817103403
  • Pagine: 190
  • Formato: rilegato

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Dettagli

Il primo libro che unisce business, capitalismo etico e corporate responsibility in una sola missione: avere successo negli affari e migliorare il mondo. Chi l'ha scritto? Un mercante nel 400.
“«Fare affari è il vero motore del mondo, ed è quindi la più nobile delle attività: perché è l'unico mezzo universale in grado di garantire, in ogni tempo e in ogni luogo, ciò che è necessario allo sviluppo dell'umanità.»”

Descrizione del libro

Le intuizioni e gli insegnamenti intramontabili del primo trattato sull'arte di fare business, il Libro de l'arte de la mercatura, un manoscritto rinascimentale rimasto nell'oblio per oltre cinque secoli. Mentre la finanziarizzazione dell'economia e le susseguenti crisi sembrano aver minato le regole di base degli affari, la riscoperta di un manuale del '400 ci ricorda che esiste anche una maniera "sana e profittevole" di arricchirsi e arricchire la società nel contempo. Il Libro de l'arte de la mercatura di Benedetto Cotrugli inquadra il mercante come un "uomo universale", chiarendo che la precisione e la pulizia contabile sono solo uno dei tre perni su cui si regge l'arte del business, accanto alle tecnicalità operative e finanziarie di una attività d'impresa e alle caratteristiche intellettuali, professionali e umane di chi la esercita. Un trattato, qui a cura e con un saggio finale di Alessandro Wagner, che mette magnificamente a fuoco il concetto di «capitano d'impresa» e il suo ruolo nella società, indicando la strada per quello che Brunello Cucinelli nella prefazione rivendica come un nuovo «capitalismo umanistico».


Ultimi prodotti visti