€ 16.00
Prodotto momentaneamente non disponibile
Inserisci la tua e-mail per essere informato appena il libro tornerà acquistabile:
 

Disponibile in altre edizioni:

L' antro della sibilla e le sue sette sorelle
€ 15.90 € 15.26
Normalmente disponibile in 5/6 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
L' antro della sibilla e le sue sette sorelle

L' antro della sibilla e le sue sette sorelle

di Giuliana Poli


Prodotto momentaneamente non disponibile
  • Editore: Controcorrente
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2008
  • EAN: 9788889015704
  • ISBN: 8889015705
  • Pagine: 208
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"

Voto medio del prodotto:  1 (1 di 5 su 2 recensioni)

1Sui decori degli edifici nel Parco dei Sibillini, 12-06-2009
di - leggi tutte le sue recensioni
Non entro nel merito del fantasioso esercizio della Poli. Quello che tengo a sottolineare è che tutta la disamina sugli antichi simboli del territorio è priva di qualsiasi fondamento scientifico. Quando nel 1997 nell’ambito del Progetto Elissa di Montemonaco individuai e pubblicai con l’architetto Ristori dell'Università di Firenze, quanto dice di aver scoperto cinque anni dopo, fummo meravigliati nel constatare la grande stagione rinascimentale che interi borghi oggi diruti avevano vissuto. Non esiste niente che possa far riferimento a pietre scolpite di templi pagani reimpiegate nelle povere case dirute e scalcinate. Tutto il contrario, sono diffuse e fanno perfettamente parte degli stilemi decorativi presenti negli edifici del parco in epoca rinascimentale. La fantasia va bene, ma...! Grazie Marco Carobbi
Ritieni utile questa recensione? SI NO
1Sui simboli degli edifici del Parco Nazionale, 12-06-2009, ritenuta utile da 1 utente su 2
di - leggi tutte le sue recensioni
Non entro nel merito del fantasioso esercizio della Poli. Quello che tengo a sottolineare è che tutta la disamina sugli antichi simboli del territorio è priva di qualsiasi fondamento scientifico. Quando nel 1997 nell'ambito del Progetto Elissa di Montemonaco individuai e pubblicai con l'architetto Ristori dell'Università di Firenze, quanto dice di aver scoperto cinque anni dopo, fummo meravigliati nel constatare la grande stagione rinascimentale che interi borghi oggi diruti avevano vissuto. Non esiste niente che possa far riferimento a pietre scolpite di templi pagani reimpiegate nelle povere case dirute e scalcinate. Tutto il contrario, sono diffuse e fanno perfettamente parte degli stilemi decorativi presenti negli edifici del parco in epoca rinascimentale. La fantasia va bene, ma l'antiscientificità no! Grazie Marco Carobbi
Ritieni utile questa recensione? SI NO