€ 9.60€ 10.00
    Risparmi: € 0.40 (4%)
Normalmente disponibile in 15/20 giorni lavorativi
Spedizione a 1€Spedizione con Corriere a 1€sopra i 25 euro!Scopri come
Punti di ritiroScegli il punto di consegnae ritira quando vuoiScopri come
Ancora paura della fine del mondo?

Ancora paura della fine del mondo?

di Acreàstro Ennannellòro


Normalmente disponibile in 15/20 giorni lavorativi
  • Editore: Photocity.it
  • Data di Pubblicazione: novembre 2011
  • EAN: 9788866821014
  • ISBN: 8866821012
  • Pagine: 216
  • Formato: brossura

Questo articolo è acquistabile
con il Bonus Cultura "18app"


Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 1 recensione)

5Abbuffata astronomica, 13-09-2012, ritenuta utile da 1 utente su 1
di - leggi tutte le sue recensioni
Ho divorato il libro di Acreàstro Ennannellòro, un talento di uomo di scienza, nonostante egli non si ritenga tale. Il suo saggio nasce da una scoperta casuale, sfogliando lo Zingarelli: la definizione astronomica dell'Ariete. In uno stile pulito e coraggioso, che varia parametri ritenuti immutabili, l'autore dimostra con abbondanza di ripetizioni ad hoc, per chi fosse sprovveduto come me, quanto il tempo sia vagabondo. Per una lettura rapida che mi consentisse un'abbuffata di news astronomiche non da poco, ho tenuto come punti fissi lo spostamento dell'est nella zona di destra (come credevo fosse anche per i segni dello zodiaco) e il concetto di stagioni nomadi e stagioni cardinali. Molto interessante e senza dubbio vero, anche perché so che Dio è un'energia e dunque è davvero il motore primo, non si autodistrugge con fini del mondo a sproposito. Inoltre, credo anch'io da sempre che i cambiamenti dell'atmosfera terrestre siano mal valutati sul lungo raggio d'azione. Ma non sapevo quale azione. Con la scoperta di Acreàstro, si chiarisce. Un saggio di astronomia che pare fantasticato e invece diviene subito utilizzabile per togliere confusioni e paure. Bellissimi i disegni, imponente il suo studio, preciso e chiaro, anche se difficile da seguire; mi accontento di aver rapidamente compreso che anticipando di un mese in ogni era il calendario, tutto gira. Avevo letto, proprio da poco, che la stella polare indicante il nord, sarebbe cambiata negli anni a venire e che nel passato era un'altra. Lo avevo registrato senza capire. Ora è chiaro. Concordo totalmente con l'autore per quanto riguarda l'effetto disastroso, mortale, della paura negativa. Un'altro chiarimento è perché allontanandosi dal Sole ci sia l'estate. Riguardo all'omosessualità, nessuno sembra riflettere sul fatto che escano sempre da famiglie eterosessuali, quindi non vedo che paura avere di una coppia gay. Stupendo il passo dell'autore sul permettere a Cristo di servire invece di servirlo o servirsene. E' iconoclasta, bello, geniale.
Ritieni utile questa recensione? SI NO

Ultimi prodotti visti