€ 11.87€ 12.50
    Risparmi: € 0.63 (5%)
Spedizione GRATUITAsopra € 25
Disponibile in 3/4 giorni lavorativi
Punti di ritiroScegli il punto di consegna
e ritira quando vuoiScopri come
L' anarchico e il diavolo fanno cabaret

L' anarchico e il diavolo fanno cabaret

di Norman Nawrocki

  • Editore: Il Sirente
  • Collana: Fuori
  • Traduttore: Cordisco G.
  • Data di Pubblicazione: gennaio 2007
  • EAN: 9788887847116
  • ISBN: 8887847118
  • Pagine: 264
  • Formato: brossura
18AppCarta docenteAcquistabile con il Bonus 18app
o la Carta del docente

Voto medio del prodotto:  5 (5 di 5 su 2 recensioni)

5Spaccato critico dell'Europa, 03-04-2008
di - leggi tutte le sue recensioni
Un bel libro con quattro livelli narrativi e un interessante spaccato critico dell'Europa. Sicuramente la parte che preferisco sono i ritratti di strada con i tanti rimandi di carattere storico (ad esempio quello sulle industrie di guerra tedesche nella prima metà del secolo). Bella anche la scelta grafica ad effetto, con la copertina in quarta. Ho avuto la fortuna di vedere la coinvolgente performance che Nawrocki ha tenuto qui a Roma per la presentazione del volume, in cui leggeva suonando il violino alcune lettere dello zio Harry. Lo consiglio anche come musicista, tornerà in Italia a luglio 2008.
Ritieni utile questa recensione? SI NO
5Critica dell'industria musicale, 03-04-2008
di - leggi tutte le sue recensioni
Storia di un tour europeo, diario personale, raccolta di novelle e critica dell'industria musicale, il libro ci porta nel sotterraneo della musica indipendente e, contemporaneamente, ci espone al viso sfregiato dell'Europa, dando voce agli esclusi e agli emarginati, i non abbienti del mondo moderno. A cavallo tra realtà e finzione, Norman Nawrocki ci dà al tempo stesso una pittura cruda e fantasiosa, il ritratto di una scena vivace e ribelle, e le angosce e le speranze di un'Europa nel dolore della vita. L'autore e il suo gruppo di "rock and roll anarchico" ci dimostra che al di là delle considerazioni puramente materiali, alcuni credono ancora che la musica può essere un motore di cambiamento.
Ritieni utile questa recensione? SI NO